Salute

L'editing genetico per i problemi al cuore

Testata sulla scimmie una tecnica che disabilita due geni responsabili dell'accumulo di grassi che fanno male al cuore: una speranza anche per l'uomo?

Una singola iniezione per eliminare per sempre il rischio di colesterolo dannoso per il cuore: oggi è una promessa da fantascienza, ma un esperimento di editing genetico compiuto sulle scimmie sembra muoversi in questa direzione. Gli scienziati di un'azienda di biotecnologie specializzata in salute del cuore, la Verve Therapeutics, sono riusciti a disabilitare, nei primati, due geni che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari e che sono presenti anche nell'uomo.

È presto per sapere se un simile trattamento possa funzionare anche sull'uomo, perché l'editing genetico porta con sé il rischio di mutazioni indesiderate e anche le scimmie andranno monitorate per vedere gli effetti nel lungo periodo. Ma poiché le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di mortalità nel mondo, ricerche come questa potrebbero aprire spiragli di prevenzione insperati. Lo studio, non ancora rivisto in peer-review (è la revisione da parte di altri scienziati, ndr) è stato presentato nel corso del meeting virtuale dell'International Society for Stem Cell Research.

i geni nel mirino. Il farmaco in questione consiste in due frammenti di RNA - un editor genetico e una piccola guida che lo dirige sulla sequenza da correggere. L'RNA è avvolto da sfere lipidiche che lo proteggono dalla degradazione istantanea per il tempo necessario a raggiungere il fegato, dove sono attivi i due geni da correggere. Quando il contenuto delle sfere è finalmente rilasciato, l'editor genetico approda sugli obiettivi: il gene PCSK9, che aiuta a regolare i livelli di LDL, il colesterolo "cattivo" che si accumula nelle pareti delle arterie; e l'ANGPTL3, che fa parte di un sistema che regola i trigliceridi, una classe di lipidi presenti nel sangue.

Segnali incoraggianti. Nelle scimmie trattate, il farmaco è apparentemente riuscito ad apportare modifiche in ogni cellula del fegato. Dopo un paio di settimane dall'iniezione, i livelli di LDL e trigliceridi si sono abbassati rispettivamente del 59% e del 64%. Occorrerà ora monitorare eventuali mutazioni off-target, indesiderate, che risulterebbero deleterie su una potenziale popolazione di pazienti vasta come quella colpita da malattie cardiache. Un'altra incognita riguarda la durata degli effetti positivi sulla riduzione del colesterolo.

A chi servirà? Se la strategia si dimostrasse promettente, in futuro potrebbe risultare particolarmente utile sulle nuove generazioni: uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari è infatti il decennale accumulo di lipidi che finiscono per ostruire le pareti delle arterie. Esistono già farmaci che inibiscono l'attività del gene PCSK9 per abbassare i livelli di LDL, ma si tratta di farmaci molto costosi che devono essere iniettati ogni poche settimane.

Siamo ancora lontani diversi anni da eventuali sperimentazioni sull'uomo, ma se dovessimo arrivarci, i primi pazienti a sperimentarli potrebbero essere coloro che sono già sopravvissuti a un evento acuto e hanno ancora livelli di lipidi nel sangue pericolosamente alti.

17 agosto 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us