Salute

Ecstasy: sballati e indifesi

Secondo uno studio condotto sui topi, l'MDMA meglio conosciuto come ecstasy, aprirebbe le barriere del cervello, lasciandolo più indifeso alle "invasioni".

Ecstasy: sballati e indifesi
Secondo uno studio condotto sui topi, l'MDMA meglio conosciuto come ecstasy, aprirebbe le barriere del cervello, lasciandolo più indifeso alle "invasioni".

Pillole di ecstasy. Il danno che provocano al cervello è ormai scientificamente dimostrato.
Pillole di ecstasy. Il danno che provocano al cervello è ormai scientificamente dimostrato.

Che la droga faccia male alla salute non è certo una novità. Un recente studio condotto presso la Boston University ha dimostrato che l'ecstasy riesce addirittura ad abbattere le difese del cervello, rendendolo più vulnerabile all'attacco di virus e altri agenti patogeni. Gli utilizzatori di queste sostanze sarebbero quindi particolarmente esposti al rischio di infezioni in grado di alterare anche in modo permanente le funzionalità cerebrali.
Benvenuto virus! Il cervello è protetto da una specie di corazza formata da pacchetti di cellule strette tra loro, chiamata barriera sangue-cervello. Tale barriera è in grado di bloccare il passaggio a tutte le molecole, tranne quelle più piccole. Un esperimento condotto sui ratti ha però dimostrato che l'ecstasy è in grado di far allargare le maglie di questo sistema di difesa, consentendo così il passaggio anche alle molecole più grandi.
L'esperimento è stato condotto facendo assumere ai ratti 4 dosi di ecstasy ogni otto ore, e iniettando poi nel loro organismo un colorante blu formato da molecole che, in circostanze normali, non sarebbero mai potute arrivare al cervello. Il giorno successivo le analisi hanno evidenziato come il colorante avesse passato senza problemi la barriera, raggiungendo zone del cervello come il nucleo caudato e l'ippocampo.
Dopo dieci settimane di assunzione di ecstasy, equivalenti a un periodo di 5-7 anni negli umani, il colorante blu riesce a passare la barriera sangue-cervello dei ratti anche senza l'ausilio di ulteriori dosi di stupefacente.
Sballo controllato. Un altro esperimento condotto sempre nei ratti presso la University of Massachusetts ha evidenziato come l'assunzione controllata di ecstasy in individui giovani possa invece ridurre i danni provocati dall'abuso della stessa sostanza una volta adulti. Jerrold Meyer e il suo team hanno fatto assumere ad animali giovanissimi sei dosi di ecstasy a cinque giorni di distanza l'una dall'altra. Dopo un periodo di disintossicazione i ratti hanno ricevuto una dose massiccia di droga nell'arco di 4 ore. I soggetti che erano stati pre-trattati con lo stupefacente non hanno mostrato i tipici segni di alterazione normalmente riscontrabili nei soggetti non pre-trattati.
Come ciò sia possibile è ancora un mistero, e non è ancora chiaro se tale meccanismo sia replicabile negli esseri umani.
Altri studi stanno invece verificando le possibilità di un utilizzo terapeutico dell'ecstasy, in caso di particolari malattie mentali e nei malati terminali di cancro.

(Notizia aggiornata al 15 novembre 2005)

15 novembre 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us