Salute

Ebola, l'esperto: "Virus cambia pelle, piu' complesso riconoscerlo"

Lo afferma all'Adnkronos Salute Nicola Petrosillo, direttore dell'Uoc infezioni sistemiche dell'Istituto nazionale per le malattie infetti Spallanzani di Roma, tra i relatori del congresso Eccmid di Copenhagen. Infettivologi europei premiano Msf per lotta al virus

Copenhagen, 27 apr. (AdnKronos Salute) - Il virus Ebola sta arretrando in Africa ma cambia pelle, e questo lo rende più difficile da riconoscere. "Ebola si sta riducendo nell'Africa Occidentale e si spera che finisca, ma ci sono ancora alcuni focolai. La cosa emersa da diversi studi è che, con l'evolversi dell'epidemia, è cambiata la presentazione clinica del virus: non e' mutato sostanzialmente ma nel 15% dei casi si presenta senza febbre". Lo afferma all'Adnkronos Salute Nicola Petrosillo, direttore dell'Uoc infezioni sistemiche dell'Istituto nazionale per le malattie infetti Spallanzani di Roma, tra i relatori del congresso Eccmid di Copenhagen, evento annuale della Societa europea di microbiologia clinica e delle malattie infettive (Escmid).

Petrosillo ha fatto parte del team dello Spallanzani che ha curato e guarito il medico di Emergency, Fabrizio Pulvirenti, colpito dal virus in Africa e ricoverato per settimane a Roma. Se il virus cambia volto, "diventa complesso il riconoscimento da parte dello specialista - sottolinea Petrosillo - un aspetto fondamentale, perché se non si riconosce il virus, diventa più difficile fare un'adeguata terapia o isolare il paziente ed evitare che si diffonda il microrganismo".

Al congresso Eccmid gli esperti di malattie infettive hanno fatto il punto sulle terapie anti-Ebola, con l'auspicio di arrivare ad avere un vaccino per il 2016. "Ancora non ci sono cure efficaci - ricorda Petrosillo - e stiamo aspettando il vaccino. Si e' parlato di terapie sperimentali con anticorpi monoclonali, del siero di convalescente, di antivirali. Ci sono varie sperimentazioni, ma tutto dipende dall'evolversi dell'epidemia: più si riduce e meno c'e' pressione" per arrivare a un risultato, "ma il 2016 potrebbe essere l'anno buono".

27 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us