Salute

Ebola, il punto sul paziente contagiato negli USA

Che cosa sta succedendo a Dallas dove è ricoverato il primo malato di Ebola giunto negli Stati Uniti.

Sale il numero delle persone, sono diventate 100, che vengono controllate in Texas in queste ore a causa di una loro possibile esposizione al virus dell'Ebola.

L'elenco delle persone raccoglie sia quelle che hanno avuto un contatto diretto col paziente liberiano Thomas Eric Duncan, ricoverato a Dallas, sia i soggetti che hanno frequentato i luoghi dove Duncan è passato prima di essere ricoverato.

Il nostro speciale sul virus Ebola, con tutti gli ultimi aggiornamenti

Il numero di queste persone sotto controllo, e potenzialmente a rischio, dovrebbe scendere una volta accertata la loro condizione. I funzionari sanitari del Texas hanno affermato che ad oggi i soggetti già identificati che hanno avuto un contatto diretto con Duncan sono tra 12 e 18. Tra questi 5 bambini a cui è stato già detto di rimanere a casa.

Alla fidanzata di Duncan e ai suoi famigliari (in tutto 4 persone) è stato chiesto di rimenere in quarantena e ora sono confinati in casa e controllati da poliziotti armati. Va ricordato che l’Ebola si trasmette attraverso lo stretto contatto con sangue, secrezioni o i fluidi corporei delle persone infette.

GLi italiani a Dallas. Il primo caso di Ebola diagnosticato negli Stati Uniti ha messo in allarme anche la comunità italiana che vive e lavora nella città. «Non c'è ancora il panico, la fuga dalla città o l'assolto ai supermercati come vorrebbero far credere i media Usa, ma in alcune scuole elementari i presidi hanno adottato delle misure d'igiene speciali e comunicato ai bambini e agli insegnanti come procedere» ha spiegato ad Adnkronos Salute Paolo Maggi, manager di una multinazionale svedese da oltre 15 anni a Dallas. «Come comunità italiana, però, siamo anche più informati e abbiamo un approccio diverso nei confronti dei media americani, che di solito, come è accaduto ad esempio con l'influenza suina, sono notevolmente allarmistici e catastrofisti».

Social network. «Nella scuola di mia figlia hanno adottato queste misure speciali, ma - precisa Maggi - è sui social network e sulle tv locali che sta mondato la paura per il virus. Frutto spesso di una diffusa ignoranza su Ebola e su come si trasmette. Purtroppo non ci sorprende neanche ciò che è accaduto al paziente colpito da Ebola che ad un primo controllo in ospedale è stato poi dimesso. Negli Usa è difficilissimo che ti prendano in carico per un'influenza, la regola spesso è di mandarti a casa. Solo se c'è una ferita sanguinante o se il paziente è un bambino allora intervengono. In questo caso perché hanno il timore di un'azione legale».

3 ottobre 2014
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us