Salute

Ebola: Bill Gates dona 5,7 mln dollari per studi su siero dei guariti

Roma, 19 nov. (AdnKronos Salute) - La vittoria sul virus Ebola passa attraverso il sangue delle persone che hanno combattuto con successo la malattia. A scommettere sul 'siero dei guariti' è la Bill and Melinda Gates Foundation, che ha donato 5,7 mln di dollari a un programma mirato ad aumentare la produzione di trattamenti sperimentali anti-Ebola destinati ai Paesi Africani colpiti. Il programma si concentrerà sui trattamenti derivati proprio dal sangue dei pazienti sopravvissuti al virus.

La Fondazione ha spiegato che il finanziamento sarà anche usato per valutare diverse nuove cure sperimentali contro l'epidemia che finora ha ucciso oltre 5 mile persone. Al momento non ci sono ancora medicinali o vaccini autorizzati contro Ebola, anche se l'Oms e Medici senza frontiere di recente hanno annunciato l'avvio di alcuni trial in Africa per dicembre. Dal canto suo la Fondazione guidata dall'ex patron della Microsoft ha spiegato che lavorerà con alcuni partner privati per sviluppare trattamenti a partire dal plasma dei convalescenti, usando sangue donato dai sopravvissuti. Questo plasma, infatti, contiene anticorpi già 'allenati' a combattere la malattia, che verrebbero isolati e iniettati direttamente nei malati. Il resto del sangue potrebbe essere restituito al donatore, consentendo dunque delle donazioni rapide. Secondo Papa Salif Sow, esperto di malattie infettive che lavora con la Fondazione, il programma potrebbe consentire di identificare e mettere a punto rapidamente "potenziali trattamenti salvavita", come ha detto alla Bbc online.

19 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us