Salute

Droga: esperti, cercare captagon in fogne cittadine per scovare terroristi

Si possono trovare le tracce dello stupefacente usato da Isis per darsi coraggio

Roma, 19 nov. (AdnKronos Salute) - Ricercare la droga usata dai terroristi dell'Isis, il captagon, nelle acque fognarie delle città, per scoprire così dove si nascondono e preparano gli attacchi. E' la proposta di Giovanni Serpelloni ed Elisabetta Bertol, dell'Unità di ricerca interdipartimentale tossicologia forense e neuroscienze di Firenze, all'indomani della identificazione della sostanza stupefacente utilizzata dall'Isis a Parigi.

"Sarebbe molto importante e possibile scoprire la presenza di queste particolari droghe usate dai terroristi Isis - affermano - sui territori dei vari Stati europei per rilevare la loro presenza operativa. Il ritrovamento di questa sostanza nelle acque delle fogne, infatti, potrebbe essere una spia, una sorta di tracciante affidabile - sottolineano gli esperti - per individuare eventuali terroristi consumatori di queste sostanze e appartenenti all’Isis".

In Italia "abbiamo tecniche scientifiche e laboratori di Tossicologia forense in grado di farlo e pronti a eseguire analisi sofisticate ed affidabili. Questa droga è molto poco usata in Europa e quindi il suo ritrovamento diventa un marker specifico di queste pericolose persone", spiegano Serpelloni e Bertol. Il captagon (Fenethylline) è un'associazione di amfetamine e teofillina, a volte miscelata insieme alla caffeina e frequentemente assunta insieme alla cocaina e alla cannabis. Sintetizzata negli anni '60 come psicofarmaco, è stata vietata negli anni '80 dall'Oms perché crea dipendenza e gravi danni al sistema nervoso centrale, in particolare alla corteccia cerebrale. E' prodotta da decenni soprattutto in Medio Oriente, come la Siria, dove si è diffusa fortemente tra i terroristi dell’Isis per inibire la paura.

"Come tutte le droghe - ribadisce Serpelloni - possiamo anche ricercarla e ritrovarla facilmente nelle acque reflue con tecniche di spettrometria di massa e geo-referenziare così la possibile presenza di terroristi sul territorio".

Non solo. "La droga la si può trovare e ordinare facilmente su internet e anche tracciare questi movimenti. Chi ne è dipendente - spiega - ne ha bisogno quotidianamente e ne consuma parecchia, lasciando tracce evidenti nelle acque reflue. Se i sistemi nazionali di allerta per le droghe si attivassero anche su questo aspetto, sarebbe fondamentale, e si potrebbero ricavare informazioni rilevanti ed utili anche ai servizi di intelligence".

Il captagon è "la droga che aiuta a fare certe barbarie, non possiamo pensare - conclude Bertol - che l'essere umano agisca con così tanta lucida ferocia se non sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. Già i kamikaze giapponesi nella seconda guerra mondiale avevano pasticche di metamfetamina, incollate su un nastro adesivo che pendeva sopra la loro testa nella cabina di pilotaggio degli aerei, e quindi potevano strapparle coi denti e assumerle per darsi coraggio.

E' la storia che si ripete nelle sue tragiche 'modernità'".

19 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us