Salute

Droga: allarme esperti, in aumento psicosi da abuso tra under 19italiani

Psichiatri Sopsi, nei giovani dai 10 anni in su crescono sintomi legati a consumo di stupefacenti e alcol

Milano, 16 feb. (AdnKronos Salute) - Bimbi che rischiano il cervello già a 10 anni per colpa di droga e bevande ad alta gradazione. Gli esperti della Sopsi, Società italiana di psicopatologia, lanciano l'allarme: "Tra i giovani dai 10 ai 19 anni aumentano le psicopatologie provocate da abuso di alcol e sostanze stupefacenti", avvertono in vista del 19esimo Congresso nazionale 'Psicopatologia in tempo di crisi: stress, vulnerabilità e resilienza' (23-26 febbraio, MiCo, Milano). "In questi ultimi anni - testimonia lo psichiatra Carlo Altamura - tra i ragazzi che non hanno ancora compiuto 20 anni si registra un numero sempre più elevato di domande di aiuto per ansia e disturbi depressivi, spesso accompagnati da eccesso di alcol e droghe. Dobbiamo porre un freno a questa pericolosissima deriva e rinforzare le strategie volte a migliorare la salute e il futuro delle giovani generazioni. E questo può avvenire solo grazie ad assistenza e cure mirate", avverte.

"L'assunzione di droghe - sottolinea Altamura, ordinario di Psichiatria all'università degli Studi di Milano e direttore del Dipartimento di Neuroscienze e Salute mentale della Fondazione Irccs Policlinico del capoluogo lombardo - oltre agli effetti immediati provoca gravi danni al cervello e, nelle persone predisposte, aumenta fino a 5 volte il rischio di sviluppare gravi malattie psichiatriche, come schizofrenia e disturbo bipolare". Patologia che "solo in Italia colpiscono circa 2 milioni di persone", sottolinea lo specialista. Un problema tornato in queste ore sotto i riflettori anche Oltremanica, per uno studio inglese durato 6 anni che attribuisce un nuovo caso di psicosi su 4 al consumo della cosiddetta 'skunk' o 'super-cannabis', versione potenziata della droga, ad alto contenuto di tetraidrocannabinolo.

Come evidenzia la stessa Organizzazione mondiale della sanità, tra i giovanissimi la prima causa di malattia e disabilità è la depressione, a cui seguono gli incidenti stradali. Molte volte estremo epilogo di una grave depressione è invece il suicidio, terza causa di morte tra gli adolescenti.

La Sopsi snocciola i dati che supportano il suo allarme. "Da una ricerca sull'abuso di alcol, caffè ed energy drink, condotta su 3.011 adolescenti e giovani adulti italiani di entrambi i sessi tra i 16 e i 24 anni, emerge che il 53,6% consuma bevande alcoliche; tra questi, l'89,6% ha avuto comportamenti di binge drinking (l'ingestione di 5 o più bevande alcoliche, 4 per le donne, in un'unica occasione almeno una volta a settimana), mentre nel campione complessivo la percentuale di binge drinkers si attesta al 48,1%". In genera, "dunque, emerge che quasi il 90% dei giovani adulti consumatori di alcol è anche bevitore 'binge'".

Un altro studio citato dalla società scientifica riguarda proprio la cannabis. La ricerca rileva come, "dei 116 soggetti reclutati, il 50% abbia fatto uso di cannabis almeno una volta nella vita e il 22% sia attualmente consumatore. I consumatori abituali sono più spesso maschi e disoccupati. Dallo studio è emerso che quanti fanno uso di cannabis provano allucinazioni visive e rallentamento del tempo, mentre la percezione di spavento è associata all'interruzione del consumo, così come l'esperienza di allucinazioni uditive è legata all'assunzione di cannabis oltre 50 volte nell'arco della propria vita".

"Fondamentale, dunque - conclude la Sopsi, in linea con quanto raccomandano gli autori della survey inglese - il ruolo della prevenzione primaria e secondaria sugli effetti dell'uso di cannabis tra quanti sono a rischio per disturbi psicotici".

16 febbraio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La Bibbia è il libro più famoso del mondo. Eppure, quanti sanno leggere fra le righe del racconto biblico? Questo numero di Focus Storia entra nelle pagine dell'Antico Testamento per comprendere dove finisce il mito e comincia la storia, anche alla luce delle ultime scoperte archeologiche. E ancora: la Crimea, terra di conquista oggi come ieri; l'antagonismo fra Coca e Pepsi negli anni della Guerra Fredda; gli artisti-scienziati che, quando non c'era la fotografia, disegnavano piante e animali per studiarli e farli conoscere.

 

ABBONATI A 29,90€

Come sta la Terra? E che cosa può fare l'uomo per salvarla da se stesso? Le risposte nel dossier di Focus dedicato a chi vuol conoscere lo stato di salute del Pianeta e puntare a un progresso sostenibile. E ancora: come si forma ogni cosa? Quasi tutti gli atomi che compongono ciò che conosciamo si sono generati in astri oggi scomparsi; a cosa servono gli scherzi? A ribadire (o ribaltare) i rapporti di potere; se non ci fosse il dolore? Mancherebbe un segnale fondamentale che ci difende e induce solidarietà.

ABBONATI A 31,90€
Follow us