Salute

Dormire poco fa ingrassare, 385 calorie in più con notti bianche

Milano, 2 nov. (AdnKronos Salute) - Notti bianche, giorni affamati. Dormire poco fa ingrassare, confermano gli scienziati che stavolta si spingono oltre, a calcolare con precisione le calorie in più lasciate quotidianamente in eredità dalla carenza di sonno: sarebbero più o meno 385, le stesse di un piattino di tiramisù o di 4 fette e mezzo di pane, un regalo extra sulla bilancia ma senza neanche il piacere per il palato. E così restare svegli diventa un 'peso' in tutti i sensi. A fare i conti in tasca ai 'gufi' abituati a tirare tardi è un team di ricercatori del King's College London, che firma uno studio pubblicato su 'European Journal of Clinical Nutrition'.

Per gli esperti l'attentato al girovita è presto spiegato: la mancanza di sonno spinge a mangiare di più durante il giorno, e in particolare ad abusare di cibi più grassi e proteine. E guai a pensare che una notte bianca possa almeno aiutare a 'bruciare' energia, compensando il maggior introito di 'comfort food'. Gli autori dello studio cancellano anche questa speranza: chi dorme poco trascorre più tempo in piedi con gli occhi sbarrati, ma questo non implica una maggiore attività fisica rispetto a chi riposa per una notte piena. Non si consumano più calorie.

Il sospetto degli scienziati è che il troppo poco sonno influenzi gli ormoni, spingendo le persone ad aver bisogno di mangiare di più per sentirsi sazie. Dalle loro analisi è emerso che chi dorme meno di 5 ore e mezza a notte assume appunto una media di 385 calorie in più al giorno rispetto a chi riposa per oltre 7. "Se la privazione a lungo termine del sonno continua a tradursi in un maggior apporto calorico di questa portata, può contribuire a un aumento di peso", avverte la ricercatrice del King's College London, Gerda Pot, citata sul 'Daily Mail' online.

"Come è noto - prosegue la scienziata - la causa principale dell'obesità è uno squilibrio tra le calorie che si introducono e quelle che si consumano. E questo studio si aggiunge alle prove che si stanno accumulando riguardo al fatto che la carenza di sonno possa contribuire a tale sbilanciamento. Il sonno ridotto è uno dei più comuni e potenzialmente modificabili rischi per la salute nella società odierna", dove le notti bianche croniche "stanno diventando sempre più comuni".

Il team britannico ipotizza un ruolo degli ormoni e dell''orologio biologico' che sincronizza le funzioni corporee al modello di 24 ore della rotazione della Terra e al modo in cui l'occhio percepisce luce e buio.

Tutto questo ha una forte influenza anche sul metabolismo, osservano, e quindi sul modo di sentire la fame e raggiungere le sazietà. Gli esperti ritengono che 'disturbare' l'orologio biologico influisca sul modo in cui vengono regolati ormoni chiave come la leptina, che ci dice quando siamo pieni, e la grelina, l'ormone della 'fame'.

Il prossimo passo è già in cantiere. "Stiamo conducendo uno studio su un gruppo di brevi dormitori - annuncia Haya Al Khatib, che ha guidato l'ultima ricerca - per esplorare gli effetti di un'estensione del sonno sull'aumento di peso".

2 novembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us