Speciale
Domande e Risposte
Salute

Perché è meglio dormire nudi?

Quando fa caldo, dormire nudi è naturale. Adesso un'indagine inglese svela quali indumenti peggiorano la qualità del sonno.

Fa caldo, vero? Non riuscite a riposare bene? E allora provate a dormire completamente nudi. Certo, direte voi, con le alte temperature che ci sono soprattutto in città è praticamente una scelta forzata, a meno che non si tiri a manetta l'aria condizionata (vedi speciale caldo e aria condizionata) che poi, tanto bene, non fa. Adesso però la scienza ci viene in aiuto, consigliando di andare letto senza veli proprio perché il sonno ci guadagna.

Tutti a letto senza veli. Un'indagine inglese commissionata da thedozyowl.co.uk ha infatti valutato quanto i vestiti possano influenzare la qualità del sonno, monitorando per un mese 2.689 volontari abbigliati in vario modo. Il parametro utilizzato per stilare la classifica è stata la quantità di tempo trascorsa nella fase REM, quella in cui si sogna, considerata un buon indicatore della qualità complessiva del sonno.

I risultati indicano con precisione che il modo migliore di dormire è dunque nudi (e magari, se avete un partner, chissà che anche il sesso vada meglio). Chi si abbandona a Morfeo senza vestiti trascorre infatti, in media, il 26,5% del sonno in fase REM. Seguono: pantaloncini e maglietta a maniche corte (26%), solo mutande o boxer (25,5%), e mutande o boxer con maglia a maniche lunghe (25%).

Come fare in inverno? Alla larga da pigiami, La camicia da notte a maniche corte (23,5%) batte quella a maniche lunghe (20%). Mentre il pigiama con i pantaloni lunghi è al fondo della classifica: chi lo indossa trascorre appena il 17,5% del sonno in fase REM. E allora d'inverno? La ricerca vale anche per le stagioni fredde. Quindi vedete voi come organizzarvi quando tornerà il freddo. Coperte e piumini... se ce la fate.

È in edicola il nuovo Focus Domande & Risposte!

7 luglio 2021
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us