Salute

Dopo la covid, eviteremo luoghi affollati e indosseremo la mascherina?

La maggior parte degli americani sostiene che alla fine della pandemia da CoVID-19 non abbandonerà mascherina e gel disinfettante. E manterrà la distanza dagli altri. 

Con il procedere (più o meno lineare) della campagna vaccinale e la conferma dell'efficacia dei vaccini anticovid, iniziamo a vedere una fioca luce in fondo al tunnel. Ma per tornare alla cosiddetta vecchia normalità non basterà qualche mese: gli esperti continuano a ripetere che non ci libereremo presto di mascherine e disinfettanti, e specie nei primi tempi sarà fondamentale mantenere le misure di sicurezza che ci accompagnano ormai da un anno. Secondo un sondaggio condotto su oltre 2000 statunitensi dal Wexner Medical Center della Ohio State University, la maggior parte degli americani pensa di mantenere le precauzioni sanitarie anche oltre la fine della pandemia.

(Dis)tanti e (dis)infettati. Quasi tre quarti dei partecipanti all'indagine hanno dichiarato che continueranno a indossare le mascherine in pubblico anche quando sarà passato l'incubo CoViD-19; quattro su cinque sostengono che eviteranno luoghi affollati, mentre ben il 90% non smetterà di lavarsi le mani frequentemente o disinfettarle.

Queste affermazioni sono probabilmente dettate dal fatto che ci troviamo ancora nel pieno della diffusione dei contagi e quindi ci sembra impossibile immaginare un mondo "normale" in cui stare in mezzo agli altri senza timore; eppure, mantenere alcune di queste abitudini potrebbe aiutarci a vivere più in salute e a proteggere le fasce più deboli durante la stagione influenzale (che quest'anno è stata quasi inesistente, a riprova che mascherine e distanziamento funzionano). «Credo che in molti abbiano capito che alcune abitudini adottate contro la covid possono essere mantenute per proteggere la salute di tutti», afferma Iahn Gonsenhauser del Wexner Medical Center.

Ripristino dello status quo? Secondo gli esperti, almeno sotto alcuni aspetti, la vita non tornerà come prima. Il prefisso tele rimarrà fisso davanti ad alcune parole, come lavoro o medicina: dopo aver sfruttato la tecnologia (e averne riscontrato anche gli effetti negativi) durante il lockdown per lavorare da casa o per consultare il medico senza recarsi in ambulatorio, telelavoro e telemedicina potrebbero fare parte delle nostre abitudini anche dopo la fine della pandemia, magari a complementare riunioni di lavoro e visite mediche in presenza.

19 febbraio 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us