Salute

Doping: Wada, gravi carenze in controlli durante Giochi Rio

Montreal, 28 ott. (AdnKronos Salute Salute/Dpa) - "Gravi carenze" nei controlli antidoping effettuati durante i Giochi olimpici e paralimpici di Rio. E' quanto emerge da un report effettuato da un team di osservatori indipendenti dell'Agenzia mondiale antidoping, Wada, presentato nella notte. Secondo la nota il personale addetto al controllo antidoping mancava della formazione necessaria, mentre la pianificazione in varie fasi dei Giochi è risultata "inadeguata" con una disorganizzazione nei test fuori competizione al villaggio olimpico che non sono stati effettuati a causa della mancanza di personale qualificato. Il numero totale di test effettuati è stato di 4.882 a fronte dei 5.380 previsti, e degli esami per il passaporto biologico solamente il 10% è stato concluso. In totale, solo il 50% dei test fuori competizione è stato portati a termine.

Secondo il report alcune delle carenze a Rio non sono dipese dagli organizzatori, ma dai "tagli operativi al budget". Tali carenze, avverte il team indipendente, rischiano di "minare il rispetto e la fiducia degli atleti nel programma antidoping, e offrono una chance agli atleti esperti e senza scrupoli di provare a manipolare il processo di controllo antidoping".

Nonostante le critiche sulle carenze, la Wada ha elogiato gli standard del laboratorio di Rio definendolo un lascito importante per il Brasile e per l'intero Sudamerica. "Nonostante i problemi legati al personale, i vincoli alle risorse e le altre difficoltà logistiche, va ribadita la stima ai volontari e a chi ha lavorato all'organizzazione dei Giochi", ha concluso il presidente del team degli osservatori indipendenti, Jonathan Taylor.

28 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us