Salute

Doping: ministero, positivo 4,1% atleti sottoposti a controlli nel 2014

Verifiche su 1.427 sportivi, nel 26,7% dei casi scoperti diuretici e agenti mascheranti

Roma, 26 mag. (AdnKronos Salute) - Nel corso del 2014 i controlli antidoping della Commissione per la Vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive (Cvd), istituita al ministero della Salute, ha sottoposto a controllo 1.427 atleti: sono risultati positivi 58 casi, pari al 4,1% degli atleti verificati. E' stata tuttavia rilevata una sostanziale differenza di genere tra gli atleti dopati: 50 maschi e 8 femmine. L'età media degli atleti risultati positivi è di 43,7 anni per gli uomini, 39,1 per le donne. Lo rivela il Report attività antidoping anno 2014 pubblicato sul sito del ministero della Salute.

Per quanto riguarda i principi attivi rilevati negli atleti risultati positivi - sottolinea il report - si tratta nel 26,7% dei casi di diuretici e agenti mascheranti, nel 22,8% di agenti anabolizzanti seguono gli ormoni e le sostanze correlate e gli stimolanti (15,8%).

La Commissione ha programmato controlli antidoping su 297 manifestazioni sportive: nel 92,3% di queste (274 manifestazioni) i controlli si sono svolti regolarmente, mentre in 23 manifestazioni non sono stati portati a termine (7,7%). I controlli hanno riguardato sia le manifestazioni delle Federazioni sportive nazionali (Fsn) e delle Discipline sportive associate (Dsa), che quelle degli Enti di promozione sportiva (Eps). La maggior parte dei controlli è stata eseguita in gara.

26 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us