Salute

Dolci e pasticcini inquinano più del cibo sano?

Pare che dolciumi e cibo discrezionale, ossia non indispensabile per l'alimentazione umana, non solo non facciano troppo bene alla salute, ma neppure all'ambiente.

Cosa siete disposti a fare per salvare il pianeta? Prendere i mezzi pubblici al posto della macchina, ridurre gli sprechi, riciclare... ma riuscireste a dire no a dolci, biscotti, pasticcini, fritture e in generale al cibo "superfluo" che ci regala felicità ma anche carie, problemi intestinali e di pressione? La domanda è meno oziosa di quello che sembri: Sara Forbes, dietologa della University of South Australia di Adelaide, ha raccolto e comparato 20 diversi studi relativi all'impatto ambientale di certi cibi: lo studio, pubblicato su Current Nutrition Report, dimostra come ridurre il consumo di dolci, fritti e carne abbia effetti positivi non solo sulla salute umana, ma anche su quella del pianeta.

Cibo base e cibo discrezionale. Il primo dettaglio da specificare è che tutti gli studi analizzati da Forbes sono relativi ad Australia e Nuova Zelanda, due nazioni nelle quali la popolazione mangia più "cibo spazzatura" rispetto a quanto consigliato dalle linee guide dei rispettivi ministeri della salute.

Va anche detto che il termine cibo spazzatura è ingeneroso: dovrebbe essere sostituito con una definizione più neutra, quella di cibo discrezionale, cioè tutti quegli alimenti che non sono necessari alla sopravvivenza ma sono gustosi e dunque piacevoli da mangiare. Dolci e biscotti, per esempio, ma anche bevande gassate, alcolici e carne lavorata (salumi, salsicce, carne in scatola). Parliamo dunque di cibo che dovrebbe essere presente solo in minima parte in un'alimentazione sana, e che invece rappresenta fino al 30% della dieta di australiani e neozelandesi.

Un occhio alla dieta e uno all'ambiente. Il problema è che questi cibi non sono solo poco sani: la loro produzione è altamente inquinante. «La produzione di cibi discrezionali», spiega Forbes, «consuma più suolo e più  acqua rispetto ai cibi di base; e in particolare la produzione di carne genera gas serra che vengono rilasciati in atmosfera.» Ci sono poi da considerare gli effetti collaterali della produzione degli imballaggi di questi cibi (solitamente di plastica), e l'impatto che hanno dopo che sono stati buttati via. Forbes va anche oltre, spiegando che anche alcuni cibi "base" (le uova, per esempio) hanno un forte impatto ambientale, che dovrebbe essere tenuto in conto dai ministeri della salute locali nel momento in cui stilano le linee guida sull'alimentazione: anche una dieta sana può nascondere insidie per l'ambiente.

17 novembre 2021 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us