Salute

Covid: dobbiamo preoccuparci della variante Centauro di Omicron?

Attualmente è la variante più diffusa in India, ma per ora non preoccupa il resto del mondo: ecco cosa sappiamo della subvariante di Omicron BA.2.75, detta Centauro.

Si chiama BA.2.75, ma un utente di Twitter l'ha ribattezzata Centauro (come la costellazione): è la subvariante di Omicron attualmente più diffusa in India, dove rappresenta due terzi dei casi totali di covid, ma almeno per il momento non sta causando un aumento nel numero di ricoveri e morti. È stata individuata per la prima volta all'inizio dello scorso maggio e da allora si è diffusa, anche se per ora solo marginalmente, in oltre venti Paesi in tutto il mondo. La sua capacità di evadere l'immunità acquisita da vaccini e contagi è simile a quella della "sorella maggiore" BA.5, attualmente la prima causa di infezione da covid nel mondo. Cosa c'è da aspettarsi per il futuro?

Centauro (BA.2.75) si è evoluta da BA.2, la subvariante di Omicron diffusasi in tutto il mondo a inizio 2022. Nonostante sia stata individuata in altri Paesi come Giappone, USA e Regno Unito, per ora BA.2.75 non sembra provocare un'impennata dei casi al di fuori dell'India. Secondo Shahid Jameel, virologo dell'Università di Oxford, nella maggior parte dei Paesi Centauro non causerà grandi ondate di contagi: «Siamo arrivati a un punto in cui le varianti competono tra loro e sono praticamente equivalenti», spiega a Nature. «Ritengo che chi è stato contagiato da BA.5 difficilmente verrà ricontagiato da BA.2.75, e viceversa».

Varianti coronavirus
Qui è possibile consultare tutte le varianti e subvarianti finora conosciute di SARS-CoV-2. © Lightspring | Shutterstock

Immunità parziale. Ma se è vero che Centauro contagia tanto quanto BA.5, e che entrambe evadono in modo simile l'immunità acquisita da vaccini e infezioni, come si spiega la sua larga diffusione in India? Secondo gli esperti la ragione è da ricercare in parte nel tipo di immunità acquisita dagli indiani: nel 2021, il Paese ha avuto un'ondata di contagi causati dalla variante Delta, che condivide alcune mutazioni fondamentali con BA.5. È possibile dunque che essere stati infettati da Delta abbia protetto da BA.5, ma non da BA.2.75: «È dunque probabile che BA.2.75 non riuscirà a prevalere al di fuori dell'India, in particolare nei Paesi che non sono stati duramente colpiti dalla variante Delta», spiega Yunlong Richard Cao, immunologo alla Peking University di Pechino.

Niente panico. Insomma, per ora non è il caso di farsi prendere dal panico: secondo gli esperti la subvariante Centauro continuerà a diffondersi nel mondo, in particolare in Asia e Oceania, ma difficilmente diventerà una seria minaccia (anche se, ormai lo sappiamo, con la covid e i virus in generale l'unica certezza è il dubbio). «Forse ci ritroveremo con un mix di varianti di Omicron, ognuna diffusa in diverse parti del mondo», commenta Tom Wenseleers, biologo evoluzionista della Catholic University of Leuven (Belgio).

BA.4.6
C’è un’altra variante da tenere sotto controllo: la BA.4.6, che si sta diffondendo in Europa e Nord America, che sembra essere contagiosa tanto quanto la BA.2.75. © i-am-helen | Shutterstock

Ciò che mette un freno alla diffusione di Centauro è probabilmente l'immunità acquisita dalla popolazione tramite vaccini e infezioni: più la popolazione è protetta, meno gravi saranno le conseguenze di un eventuale contagio. Tuttavia è bene non abbassare la guardia: anche se BA.2.75 sembra per ora sotto controllo, non vuol dire che la nuova subvariante non possa diffondersi in un'ondata invernale. In ogni caso, quando il virus circola così tanto, anche se i ricoveri e i decessi rimangono bassi bisogna fare i conti con altre conseguenze, come il long covid e i disagi derivati da un alto numero di ammalati: «Il nostro prossimo obiettivo dev'essere ridurre il numero di infezioni», ricorda Wenseleers.

19 agosto 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us