Salute

Diventare mamma con la leucemia, studio italiano a congresso Usa

Ricerca sostenuta dai bracciali natalizi disegnati da Cruciani per l'Ail

San Francisco, 9 dic. (AdnKronos Salute) - Diventare genitori con la leucemia: un tempo era impensabile, oggi è realtà grazie ai progressi della medicina che hanno trasformato un tumore mortale fino agli anni '90 in una malattia curabile nel 95% dei casi. La gioia di un figlio non è più un tabù per chi soffre di leucemia mieloide cronica, cancro del sangue che nel nostro Paese colpisce ogni anno circa 650 uomini e 500 donne (dati Airc). Lo dimostrano i dati preliminari di uno studio italiano presentato al 56esimo congresso della Società americana di ematologia (Ash), a San Francisco.

La ricerca, promossa dal Gimema (Gruppo italiano malattie ematologiche nell'adulto), è parte di un progetto sostenuto da un'iniziativa solidale di Cruciani C che ha disegnato per Ail (Associazione italiana contro leucemie, linfomi e mieloma) i braccialetti natalizi in pizzo macramè e fili di lurex 'La buona stella della ricerca', ispirati alla Stella di Natale simbolo della tradizionale raccolta fondi targata Ail. Lo studio - il primo in Ue a valutare concepimento e gravidanza in coppie con uno dei 2 partner malato di leucemia mieloide cronica - ha coinvolto 63 persone, 43 uomini e 20 donne, per un totale di 71 gravidanze in cui la madre (tra i 22 e i 37 anni al concepimento) soffriva della malattia o era compagna di un uomo con la patologia. Ai pazienti la malattia era stata diagnosticata in un'età compresa fra 17 e 55 anni; al momento del concepimento tutti tranne uno erano in fase cronica, e nella maggior parte dei casi in trattamento con un farmaco intelligente. La maggioranza delle gravidanze è stata spontanea, 3 frutto di fecondazione assistita.

Quando è stata condotta l'analisi 2 gravidanze erano ancora in corso e 6 erano terminate con un aborto entro il terzo mese, spontaneo in 2 casi. Tutte le gravidanze proseguite hanno avuto un decorso normale, a parte 2 distacchi di placenta, un rischio di aborto, un caso di diabete gestazionale con ritardo della crescita intrauterina, un caso di scarsa presenza di liquido amniotico, una displasia congenita dell'anca e un ritardo di parola in una bimba di 36 mesi. Gli autori definiscono questi primi risultati incoraggianti, anche se da approfondire con ulteriori analisi e allargando l'indagine ad altri centri italiani.

9 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us