Salute

Tumori: un nuovo dispositivo ne monitora la crescita 24 ore su 24

Negli Usa è stato testato sui topi un dispositivo che si applica come un cerotto e si controlla dallo smartphone: monitora lo sviluppo di un tumore 24 ore su 24.

Un team di ricercatori dell'Università di Stanford ha testato sui topi, con ottimi risultati, un dispositivo in grado di monitorare le dimensioni di un tumore: leggero, piccolo e senza fili, FAST (acronimo che sta per Flexible Autonomous Sensor measuring Tumors, ovvero "sensore flessibile e autonomo per la misurazione dei tumori") promette di rivoluzionare la terapia antitumorale, testando l'efficacia dei farmaci nel ridurre le dimensioni del cancro. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su Science Advances.

Come funziona. Il dispositivo FAST è composto da un sensore − un polimero flessibile ed elastico con al suo interno uno strato di circuito in oro − connesso a un piccolo zainetto elettronico che viene appoggiato sulla schiena delle cavie. Il dispositivo misura la deformazione della membrana tumorale (quanto il tessuto si tira e si contrae) e invia i dati raccolti a una app dello smartphone connesso via wireless. FAST è molto sensibile e arriva a misurare variazioni di grandezza dell'ordine di appena un centesimo di millimetro (10 micrometri).

dispositivo FAST
Il dispositivo FAST (nell’immagine) è riutilizzabile: produrlo costa circa 60 dollari. © Alex Abramson

I punti di forza. Questo dispositivo, per ora testato solo su topi in laboratorio, presenta tre principali vantaggi rispetto ai classici metodi di controllo dei tumori: innanzitutto FAST raccoglie le misurazioni ogni cinque minuti e consente dunque un monitoraggio continuo; in secondo luogo, il sensore riesce a calcolare con precisione i cambiamenti nelle dimensioni del tumore, a differenza di altri metodi non altrettanto accurati, come l'imaging a bioluminescenza o il calibro; infine, il dispositivo è autonomo e non invasivo, poiché viene applicato sulla pelle come un cerotto, ed è alimentato a batterie.

Una delle sfide che la progettazione di FAST ha dovuto superare è stato il fatto che il sensore potesse compromettere la misurazione applicando una pressione sul tumore e, di fatto, schiacciandolo. Per evitare che ciò accadesse, gli studiosi hanno reso il materiale che compone il cerotto-sensore il più flessibile ed elastico possibile, proprio come la pelle: «Il design è sorprendentemente semplice», spiega Alex Abramson, coordinatore dello studio, sottolineando che, pur nella sua semplicità, il dispositivo potrebbe essere di grande aiuto alle comunità oncologiche e farmaceutiche velocizzando, automatizzando e abbassando il costo delle procedure di screening tumorale.

1 ottobre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us