Salute

Un effetto collaterale del dormire troppo poco: la disidratazione

Un'altra buona ragione per riposare 7-8 ore? Le notti troppo brevi disturbano la regolazione dei fluidi corporei: ecco perché dopo aver fatto le ore piccole è meglio bere un bicchier d'acqua.

Se mai ci servissero altre buone ragioni per dormire il giusto numero di ore a notte, eccone un'altra, per certi versi inaspettata: concedersi meno di sei ore di riposo notturno può lasciare il nostro corpo non adeguatamente idratato.

Secondo un ampio studio condotto su oltre 25 mila volontari tra Cina e Stati Uniti, chi dorme troppo poco si sveglia con urine più concentrate e corre un rischio di disidratazione dal 16 al 59 per cento più elevato, rispetto a chi segue i canonici ritmi sonno-veglia di otto ore. In base alla stessa ricerca della Pennsylvania State University, sentirsi fuori forma dopo una notte troppo breve potrebbe dipendere in parte anche dalla disidratazione: un bicchiere d'acqua appena svegli potrebbe aiutare a lenire questi sintomi.

Da che cosa dipende? Per gli scienziati questo strano effetto è riconducibile ai meccanismi ormonali con i quali l'organismo regola l'idratazione; e in particolare alla vasopressina, un ormone rilasciato durante il giorno e la notte che gestisce la distribuzione dei fluidi corporei. Questa sostanza, che fa in modo che il corpo non si disidrati durante il sonno, è rilasciata più velocemente e in più alte quantità nelle ultime fasi del ciclo di riposo. Accorciarlo di molto o interromperlo troppo presto ci fa quindi "mancare" la finestra di tempo cruciale in cui l'ormone è messo in circolo. I soggetti che nello studio dormivano troppo poco avevano infatti urine più concentrate (con minori quantità d'acqua) rispetto a chi dormiva il giusto.

Lo studio evidenzia per ora soltanto una correlazione: non prova, cioè, che il poco sonno causa la disidratazione. Tra le due condizioni potrebbe però esserci una sorta di legame biologico. Potrebbe per esempio trattarsi di una sorta di meccanismo circolare: dormire poco è legato alla disidratazione, e chi è disidratato dorme peggio e meno. Ma su questo serviranno altre ricerche. Per il momento, basta ricordare di mettere un bicchiere d'acqua sul comodino, soprattutto se si ha davanti una notte breve. In un modo o nell'altro, servirà.

11 novembre 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us