Salute

Disabili isolati, cyberbullismo e autolesionismo emergenze fra i giovani

Charlie Telefono Amico, è maschio 65% di chi soffre isolamento o povertà e 90% con problemi sessuali

Milano, 12 dic. (AdnKronos Salute) - La solitudine non è femmina. Gli uomini single soffrono più delle donne nella stessa condizione e lamentano più problemi, anche sotto le lenzuola. Il 'sesso debole' è lui secondo la fotografia scattata da Charlie Telefono Amico (800.863.096), il servizio di ascolto gratuito fondato nel 1990 a Pontedera, che oggi al Teatro Lumière di Pisa ha presentato il suo Rapporto sociale 2013/2014.

Uomo, fra i 31 anni e i 50, senza partner, solo e in sofferenza perché si sente isolato e senza persone fidate con cui sfogarsi. Questo, secondo il report, l'identikit di chi chiede aiuto. Nel 2013 i 30 volontari di Charlie, che dopo un corso di formazione ad hoc vengono guidati nel servizio da uno psicologo-psicoterapeuta, hanno risposto a 2.650 chiamate di cui più della metà (1.600) fatte da un uomo. In particolare, nel 65% delle chiamate in cui si denunciano solitudine, e in altrettante in cui si segnalano problemi sociali (difficoltà lavorative, povertà, affidamento dei figli), alla cornetta c'è un maschio. E la voce è quella di un uomo anche nel 90% delle telefonate in cui si lamentano difficoltà sessuali.

La solitudine risulta il tema più affrontato in generale: 1.080 persone, oltre il 40% del totale utenti, hanno chiamato per parlare del proprio isolamento o dell'impossibilità di comunicare agli altri questioni importanti della propria vita. Il 26% delle telefonate è stato invece dominato dal tema dell'handicap, fisico o mentale. Mentre fra i giovanissimi sono in aumento le richieste d'aiuto per episodi di cyberbullismo e autolesionismo.

"Ciò che è emerso in modo drammaticamente potente nelle chiamate che hanno affrontato il tema della malattia - commenta lo psicologo e psicoterapeuta Giovanni Cioli, coordinatore di Charlie Telefono Amico - è la solitudine delle persone con un handicap fisico grave. Molto spesso non hanno modo di muoversi da casa e non possono parlare liberamente con le persone che se ne prendono cura. Nonostante gli sforzi dei servizi pubblici e l'aumentata sensibilità sociale, la condizione di molti disabili rimane di pesante isolamento".

A chiamare Charlie sono soprattutto i single, o meglio le persone non sposate, ma con differenze rilevanti tra maschi celibi e femmine nubili. "Le problematiche sessuali - riporta Cioli - sono un tema sostanzialmente assente nelle telefonate delle donne. Nelle chiamate degli uomini che ne parlano, invece, è sempre presente un senso di inadeguatezza rispetto allo status sociale e alla percezione della donna come fortemente esigente sul piano sessuale, economico e di successo in generale". Discrepanze marcate anche nel caso delle chiamate per problemi sociali e solitudine: nei 2 terzi dei casi arrivano da maschi non coniugati.

Uomini single, infine, sono gli autori del 55,8% delle telefonate in cui si affrontano problemi affettivi.

Quanto agli Sos lanciati dai ragazzi, inferiori per numero alle telefonate degli adulti, Charlie rileva alcune caratteristiche particolari. "Dominano le questioni legate a emozioni e relazioni, in particolare nelle chiamate delle ragazze under 20 - testimonia Cioli - Ma emergono anche nuovi temi, come le molestie attraverso i social network e il cosiddetto 'cutting', l'autolesionismo, di cui i ragazzi parlano come un modo di darsi sollievo da un dolore emotivo insopportabile che per loro è difficile perfino descrivere. Per quanto riguarda i social network, gli scontri e le 'guerre' su Facebook risultano tutt'altro che virtuali: subire un insulto o il dileggio sui social può rappresentare un grave problema per un giovane, fino ad arrivare al vero e proprio crollo della sua identità sociale".

12 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us