Salute

La depressione post partum colpisce anche i papà (e gli ormoni ovviamente non c'entrano)

La depressione post partum non colpisce solo le neomamme: ne soffrono anche i papà in percentuali simili. Ecco perché.

Quando si parla di depressione post partum si pensa sempre alle mamme: tuttavia questa condizione colpisce anche i papà e, secondo alcune ricerche, in percentuali simili − fino al 10%

UNA COMBINAZIONE DI FATTORI. Si dice ancora che la depressione post partum delle neomamme sia essenzialmente causata dagli ormoni, ma gli esperti confermano che giochino un ruolo marginale: la crisi post parto è dovuta invece a una combinazione di fattori di rischio – come il fatto di aver sofferto in passato di depressione, l'insonnia del neonato (e dei genitori), la mancanza di supporto sociale e i problemi economici connessi all'arrivo di un figlio. Ed ecco spiegato perché ne possono soffrire anche i neopapà.

I sintomi. I sintomi, sia nei papà che nelle mamme, sono molto simili a quelli della depressione, solo che si manifestano normalmente durante il primo anno di vita del bambino: malumore, insonnia, sensi di colpa o di inadeguatezza, scarsa concentrazione, cambiamenti di peso o appetito, stanchezza e anche pensieri suicidi.

Chiedere aiuto. La depressione post partum non se ne andrà da sola così com'è arrivata: per questo è molto importante chiedere aiuto a un professionista. Inoltre, raccomandano gli esperti, è fondamentale non isolarsi per curare il proprio benessere, ma anche per preservare il legame con il bambino, che potrebbe subire il malessere psicologico della mamma o del papà.

Insomma, è importante che i padri sappiano che la depressione dopo la nascita di un figlio è "legittima" anche negli uomini. E che come per le neomamme, si tratta solo di un periodo che, una volta superato, rimarrà un brutto ricordo.

23 giugno 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us