Salute

Depressione e scarsa serotonina: c'è un legame?

Il cervello di chi soffre di depressione potrebbe avere realmente una ridotta capacità di rilasciare serotonina: uno studio porta "le prove".

Alterazioni nel rilascio e nell'azione della serotonina - l'"ormone della felicità" - potrebbero giocare un ruolo importante nei disturbi depressivi: secondo uno studio britannico destinato a creare dibattito nella psichiatria, il cervello di chi è affetto da depressione avrebbe una ridotta capacità di rilasciare serotonina, un neurotrasmettitore che ha tra i suoi tanti effetti anche la regolazione dell'umore.

Nel nuovo lavoro pubblicato su Biological Psychiatry, i ricercatori dell'Imperial College London sostengono di aver fornito "la prima prova diretta", attraverso esami di imaging cerebrale, del fatto che il rilascio di questa molecola è attenuato in chi soffre di depressione.

Solo questione di chimica? La ricerca si inserisce in una delle questioni più dibattute degli ultimi 60 anni di neuroscienze, quella del ruolo della serotonina nella genesi dei disturbi dell'umore come la depressione. La serotonina è prodotta da neuroni specializzati del sistema nervoso centrale e da cellule della parete gastrointestinale, ma si trova in elevate concentrazioni anche nel sangue. Secondo l'ipotesi di una disfunzione serotoninergica nei disturbi depressivi, nata da alcune osservazioni sperimentali a partire dagli anni Sessanta, all'origine della depressione ci sarebbe proprio la carenza di questo ormone.

L'idea - da tempo bollata come eccessiva semplificazione di un disturbo complesso e multisfaccettato, impossibile da ridurre a un semplice "squilibrio chimico" a carico di un singolo neurotrasmettitore - era stata di recente smentita da un'ampia revisione di studi sul tema, pubblicata su Molecular Psychiatry a luglio 2022. A non convincere i detrattori di questa teoria non è tanto la presenza di un'alterazione chimica che coinvolge la serotonina, ma la convinzione che questa possa essere la ragione principale dei disturbi depressivi.

Il ruolo dei farmaci. D'altro lato un qualche ruolo esercitato dalla serotonina nella depressione è rivendicato dal fatto che i farmaci antidepressivi più usati, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), siano efficaci su buona parte dei pazienti, lasciando però senza effetti una considerevole fetta di persone, tra il 10 e il 30%. Questi farmaci funzionano prendendo di mira la proteina incaricata del trasporto della serotonina, che riacciuffandola nello spazio tra sinapsi, per riciclarla, mette fine alla sua azione. Ostacolando con i farmaci questo processo biologico di eliminazione e riassorbimento (reuptake) aumenta anche la concentrazione di serotonina nell'organismo.

Il cervello in diretta. Come racconta il Guardian, gli autori del nuovo lavoro hanno coinvolto 17 pazienti con depressione maggiore o depressione legata a Parkinson e 20 volontari sani, e hanno sottoposto tutti quanti alla PET (tomografia a emissione di positroni): una tecnica diagnostica in cui viene usato un tracciante radioattivo per rilevare la distribuzione di determinate sostanze.

In questo caso l'obiettivo era vedere quanta serotonina si legasse a certi recettori nel cervello dei pazienti, in risposta a uno stimolo chimico che di norma facilita il rilascio di questa sostanza - una quantità controllata di anfetamina. Nei pazienti con depressione, il team ha osservato un minore rilascio di serotonina.

E se fosse la conseguenza? Ciò di nuovo, secondo gli autori, non equivale a dire che la depressione sia il frutto di una scarsa quantità di serotonina, ma dà supporto all'idea che l'ormone abbia un ruolo importante in questo disturbo. La ricerca però è stata accolta con scetticismo da alcune persone del settore, sia per il ridotto numero di soggetti sperimentali sia perché le analisi statistiche impiegate sono state considerate deboli e non suffraganti la conclusione cui si arriva.

Per Joanna Moncrieff, Professoressa di Psichiatria dell'University College London che aveva firmato lo studio "contro" di luglio, la nuova ricerca non prova che la carenza di serotonina sia la causa della depressione. Oltre al fatto che le analisi andranno replicate, bisognerebbe capire se lo squilibrio chimico evidenziato dalle immagini non sia piuttosto uno degli effetti della depressione.

Persone oltre ai paper. Al di là delle dispute scientifiche ne va della salute dei pazienti. Come se non bastasse la difficoltà di arrivare a una diagnosi di depressione, i trattamenti disponibili funzionano per molti, ma non per tutti. Un quadro più chiaro sull'origine di questo disturbo porterebbe a forme di cura e supporto più efficaci.

9 novembre 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us