Salute

Dal MIT un pannolino che invia una notifica sullo smartphone quando è bagnato

Grazie a un sensore che rileva l'umidità, il nuovo pannolino farà dire addio a infezioni e arrossamenti. Ecco perché è innovativo.

Oltre a provocare urla e pianti più o meno disperati, un pannolino bagnato se indossato troppo a lungo può causare ai neonati delle fastidiose irritazioni alla pelle o, nei casi più gravi, infezioni di vario genere. I ricercatori del MIT (Massachussets Institute of Technology, USA) hanno studiato una soluzione per ovviare a questi problemi: un sensore che, posizionato nel pannolino, ne rileva l'umidità, e quando è ora di cambiarlo avvisa chi si prende cura del neonato tramite una notifica sullo smartphone o sul computer.

Com'è fatto? Il sensore, un tag di identificazione a radiofrequenza (RFID) passiva, è posizionato sotto a uno strato di polimero super assorbente, un tipo di idrogel usato normalmente nei pannolini per assorbire l'umidità. Quando l'idrogel è bagnato, il materiale si espande diventando conduttivo, e il tag RFID invia un segnale radio a un dispositivo che si trova nel raggio di un metro.

Vantaggi. I ricercatori del MIT non sono i primi ad aver ideato un "pannolino intelligente", ma il loro sensore si distingue dagli altri per due principali motivi: è usa e getta e molto economico da produrre. Costa infatti meno di due centesimi di dollaro a pezzo: una bella differenza rispetto ai 249 dollari ai quali viene venduto il sensore bluetooth della Huggies (che però, a differenza del tag RFID, rileva anche… la cacca), e ai 75 dollari di quello della Pampers (che dura un anno e, oltre all'umidità, rileva anche i ritmi del sonno). Il fatto che sia usa e getta lo rende inoltre più comodo rispetto agli altri due sensori, che devono invece essere ricaricati e puliti dopo ogni uso.

Nonni e nipoti. A beneficiare di questa nuova tecnologia potrebbero essere non solo i bebè: «I pannoloni vengono utilizzati anche da pazienti anziani, allettati o non autosufficienti», spiega Pankhuri Sen, ricercatrice del MIT che ha partecipato allo studio. «Il sensore sarebbe utile per avvisare gli infermieri quando è ora di cambiare un paziente, prevenendo irritazioni o infezioni delle vie urinarie». I pannolini intelligenti potrebbero inoltre aiutare a identificare problemi di salute, come segnali di stitichezza o incontinenza, sia nei neonati che nei più anziani.

27 febbraio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us