Salute

Dal CERN un innovativo ventilatore polmonare per i malati di CoViD-19

Dal CERN arriva un ventilatore polmonare economico, senza brevetto e che funziona anche a batteria: aiuterà ad alleggerire le strutture di terapia intensiva.

Il CERN ha progettato un ventilatore polmonare da utilizzare nei casi più leggeri di CoViD-19 e su chi è in via di guarigione, liberando gli attuali macchinari di terapia intensiva per i casi più gravi. I primi modelli saranno pronti per essere testati negli ospedali nel giro di qualche settimana: «Stiamo impegnando anche noi risorse e competenze per aiutare nella lotta contro la pandemia da CoViD-19», ha dichiarato il direttore generale, Fabiola Gianotti, da poco riconfermata alla guida del più importante e prestigioso centro al mondo per lo studio della fisica delle particelle.

Pratico ed economico. Per disegnare il nuovo ventilatore polmonare il team di fisici e ingegneri, normalmente impegnato a lavorare nell'acceleratore di particelle più potente al mondo, il Large Hadron Collider (LHC), si è ispirato ai macchinari utilizzati per regolare i flussi di gas dei rilevatori di particelle. Il risultato è un ventilatore economico, che può essere alimentato con batterie, pannelli solari o generatori di emergenza, rendendone quindi possibile l'uso anche in luoghi dov'è complicato arrivare a una presa di corrente o dove l'elettricità scarseggia o non è stabile.

Non solo ventilatori. Nei laboratori del CERN si stanno producendo anche gel disinfettanti e mascherine, ma, soprattutto, si sta studiando come utilizzare le straordinarie capacità di calcolo dell'organizzazione per aiutare nella ricerca di molecole utili a sviluppare poi un vaccino.

15 aprile 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us