Salute

Dal CERN un innovativo ventilatore polmonare per i malati di CoViD-19

Dal CERN arriva un ventilatore polmonare economico, senza brevetto e che funziona anche a batteria: aiuterà ad alleggerire le strutture di terapia intensiva.

Il CERN ha progettato un ventilatore polmonare da utilizzare nei casi più leggeri di CoViD-19 e su chi è in via di guarigione, liberando gli attuali macchinari di terapia intensiva per i casi più gravi. I primi modelli saranno pronti per essere testati negli ospedali nel giro di qualche settimana: «Stiamo impegnando anche noi risorse e competenze per aiutare nella lotta contro la pandemia da CoViD-19», ha dichiarato il direttore generale, Fabiola Gianotti, da poco riconfermata alla guida del più importante e prestigioso centro al mondo per lo studio della fisica delle particelle.

Pratico ed economico. Per disegnare il nuovo ventilatore polmonare il team di fisici e ingegneri, normalmente impegnato a lavorare nell'acceleratore di particelle più potente al mondo, il Large Hadron Collider (LHC), si è ispirato ai macchinari utilizzati per regolare i flussi di gas dei rilevatori di particelle. Il risultato è un ventilatore economico, che può essere alimentato con batterie, pannelli solari o generatori di emergenza, rendendone quindi possibile l'uso anche in luoghi dov'è complicato arrivare a una presa di corrente o dove l'elettricità scarseggia o non è stabile.

Non solo ventilatori. Nei laboratori del CERN si stanno producendo anche gel disinfettanti e mascherine, ma, soprattutto, si sta studiando come utilizzare le straordinarie capacità di calcolo dell'organizzazione per aiutare nella ricerca di molecole utili a sviluppare poi un vaccino.

15 aprile 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us