Salute

Da protesi a tumori rari, la chirurgia fa miracoli anche su cani e gatti

La veterinaria Mignacca, interventi impossibili fino a 10 anni fa

Roma, 19 gen. (AdnKronos Salute) - Gli avanzamenti della chirurgia a servizio non solo della salute umana, ma anche dei nostri amici animali. "Grazie alle nuove tecniche e strumentazioni oggi possiamo intervenire su patologie che, fino a soli 10 anni fa, avevano nel 100% dei casi esito infausto. Dai tumori cerebrali a quelli polmonari, dalle malformazioni cardiache ai problemi renali acuti che si trattano con la dialisi", cani e gatti hanno oggi la possibilità di vivere molto più a lungo. E meglio. A descrivere all'Adnkronos Salute quanto la chirurgia veterinaria sia sempre più 'hi-tech' è il direttore sanitario della Clinica RomaSud, Daniela Mignacca.

Il caso del gatto operato a Napoli per inserire un pacemaker da neonati nel suo piccolo torace è solo un esempio di quanto i 'pet' possano oggi essere assistiti e trattati efficacemente, anche in presenza di gravissimi problemi di salute: "I pacemaker si usano - assicura Mignacca - ma le condizioni per i quali si rendono necessari sono davvero rarissime, soprattutto nel gatto; più comuni, ma comunque avanzati e sofisticati, sono gli interventi di chirurgia toracica e intracranica, per l'asportazione di rari tumori cerebrali e polmonari; e ancora, interventi per inserire protesi d'anca, per riallineare zampe storte che provocano artrosi, per ricostruire legamenti crociati del ginocchio, o per trattare malformazioni congenite del fegato e del cuore".

Diffusa anche "la gastropessi preventiva", cioè l'intervento che evita la torsione dello stomaco: "L'operazione è semplice e può essere effettuata anche in endoscopia", e consente di evitare lo spiacevole e spesso mortale disturbo cui sono soggetti soprattutto cani di grossa taglia, "alani e pastori tedeschi in particolare".

Come per gli umani, inoltre, spiega l'esperta, "sono disponibili plasmaferesi ed emodialisi, necessaria in caso di insufficienza renale acuta provocata da sostanze tossiche (in caso di avvelenamenti da metaldeide o intossicazioni accidentali da barbiturici, ad esempio), patologie autoimmuni o da altri stati patologici, teoricamente guaribili, ma che se accompagnati da complicanze renale diventano mortali. Quindi, per superare la fase acuta vale la pena effettuare la dialisi".

Per quanto riguarda i costi, "sono certamente molto più bassi rispetto alla chirurgia umana, ma variano molto in base alla singola situazione del paziente e a quanta degenza gli servirà (se per esempio dovrà restare in terapia intensiva per giorni, nel caso in cui sia arrivato in pessime condizioni), per cui non è possibile fare una stima media: per un intervento chirurgico oncologico si può andare dai 1.500 ai 3.000 euro, l'emodialisi può arrivare a 5.000. E' chiaro che, come per l'uomo, non sempre la prognosi è positiva, ma almeno c'è una chance terapeutica che fino a poco tempo fa era inesistente".

Infine, la veterinaria consiglia qualche stratagemma per la prevenzione delle malattie nei nostri amici a quattro zampe: "Purtroppo, quando il proprietario nota dei sintomi, spesso il problema c'è già. Quindi, quando il cane o il gatto superano una certa età (5-6 anni per le grosse taglie, 7-8 anni per quelle piccole e per i mici), è bene fare un'ecografia di controllo generale e un'analisi del sangue ogni 6 mesi-1 anno. In questo modo è possibile fare diagnosi precoce e tentare di limitare i danni", conclude.

19 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Gli eccessi della Rivoluzione francese raccontati attraverso la tragedia delle sue vittime più illustri, Luigi XVI e Maria Antonietta. La cattura, la prigionia, i processi e l’esecuzione della coppia reale sotto la lama del più famoso boia di Parigi. E ancora: come si studiava, e si insegnava, nelle scuole del Cinquecento; l’ipotesi di delitto politico dietro la morte di Pablo Neruda, pochi giorni dopo il golpe di Pinochet; l’aeroporto di Tempelhof, a Berlino, quando era palcoscenico della propaganda nazista.

ABBONATI A 29,90€

Perché il denaro ci piace tanto? Gli studi spiegano che accende il nostro cervello proprio come farebbe gustare un pasticcino o innamorarsi. E ancora: la terapia genica che punta a guarire cardiopatie congenite o ereditarie; come i vigili del fuoco affinano le loro tecniche per combatte gli incendi; i trucchi della scienza per concentrarsi e studiare meglio; si studiano i neutrini nel ghiaccio per capire meglio la nostra galassia.

ABBONATI A 31,90€
Follow us