Salute

Covid: vaccinare i Paesi più poveri è meglio per tutti

Se per cinque anni i Paesi ricchi donassero la metà dei loro vaccini ai Paesi poveri, la pandemia finirebbe molto prima.

I programmi vaccinali per i Paesi poveri procedono con la solita lentezza: oltre a causare morti che si potrebbero evitare, lasciare interi continenti senza copertura vaccinale (in Africa è protetto appena l'11% della popolazione) permette al coronavirus di diffondersi, mutare e dare vita a nuove varianti.

Donare conviene. Uno studio pubblicato su Nature Human Behaviour guarda a cosa accadrebbe se i Paesi più ricchi decidessero di donare per cinque anni la metà delle proprie dosi di vaccino ai cosiddetti LMIC (low and middle-income countries, Paesi a basso e medio reddito), oppure se prevalesse un atteggiamento differente e optassero per tenerle per sé.

Nel primo caso, oltre a ridurre il tasso di mortalità nei LMIC, diminuirebbe anche il numero di ondate pandemiche in tutto il mondo e sarebbe meno probabile assistere all'insorgere di una nuova variante.

Al contrario, accumulare dosi sarebbe controproducente: se nel breve periodo i Paesi più ricchi hanno effettivamente riscontrato dei benefici nel vaccinare i propri cittadini, con una riduzione dell'incidenza del virus e del tasso di mortalità, a lungo andare la mancata vaccinazione di chi vive nei Paesi a basso reddito non farebbe altro che prolungare la pandemia in tutto il mondo, dal momento che i confini non possono essere chiusi per sempre e fino a che tutti non saranno protetti, nessuno lo sarà veramente.

Esitazione e soldi. Donare vaccini, però, non basta: il Sudafrica, ad esempio, lo scorso novembre si è visto costretto a chiedere lo stop all'invio di dosi perché ne aveva già a sufficienza, ma non riusciva a inocularle a causa della dilagante esitazione vaccinale.

Un altro problema da risolvere è quello della distribuzione: l'Africa avrebbe bisogno di 1,3 miliardi di dollari per pagare i costi delle operazioni di distribuzione (tra cui il mantenimento della catena del freddo) e il personale sanitario che deve vaccinare la popolazione; tutte questioni che hanno bisogno di finanziamenti, per essere gestite.

Nessuno si salva da solo. I risultati di questo studio confermano che quando si tratta di pandemie è necessario avere una visione globale: «La pandemia non conosce confini», ricordano i ricercatori, «e alla fine pagheremo tutti i costi economici e sanitari di una distribuzione vaccinale iniqua».

10 febbraio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us