Salute

Covid: secondo il dipartimento per l'energia degli Usa torna l'ipotesi della fuga dal laboratorio

Una perdita accidentale all'origine della pandemia di covid? È quanto sostiene un rapporto del Dipartimento per l'Energia Usa (che si basa però su "prove deboli").

Il coronavirus all'origine della pandemia di covid è molto probabilmente emerso da una perdita accidentale da un laboratorio scientifico: ad affermarlo non è l'ultima teoria cospirazionista in Rete ma un rapporto del Dipartimento per l'Energia degli Stati Uniti citato dal Wall Street Journal, che ha avuto modo di accedere al documento e ha riferito la notizia in anteprima.

Anche se la conclusione è in disaccordo con quelle di molte altre fonti di intelligence americane e non ricalca la posizione ufficiale del Governo degli Stati Uniti, ancora molto cauto sul tema, lo scoop sta comprensibilmente facendo scalpore oltreoceano.

Cambio di passo. Il dipartimento in questione, oltre ad occuparsi dell'energia e della sicurezza nucleare, supervisiona l'attività di 17 laboratori scientifici, alcuni dei quali impegnati in ricerche nel campo della biologia avanzata: ecco spiegata l'attinenza con le indagini sull'origine della covid.

In precedenza il Dipartimento per l'Energia aveva mantenuto una posizione neutrale sul tema degli inizi della pandemia, affermando di non avere elementi per ricostruire con certezza come si fosse sviluppato il virus. Il cambio di posizione arriva da un aggiornamento di un rapporto riservato del 2021 dell'ufficio della direttrice della National Intelligence Avril Haines, basato su «nuove informazioni di intelligence, ulteriori studi sulla letteratura accademica e consultazioni con esperti non governativi».

Prove deboli. Tuttavia, secondo lo stesso Wall Street Journal, il Dipartimento dell'Energia sostiene questo nuovo aggiornamento con un basso grado di certezza, un'espressione che - come spiegato dalla CNN - si trova spesso riferita ai rapporti dell'intelligence e che significa che l'informazione ottenuta non è abbastanza attendibile, oppure è troppo frammentata, per arrivare a conclusioni certe e solide. Oltretutto, anche se il Dipartimento dell'Energia ha condiviso la sua conclusione con varie agenzie di intelligence, nessuna di esse ha cambiato le proprie conclusioni dopo aver visionato la nuova indagine (a ulteriore prova del fatto che le evidenze su cui si basa sono deboli).

Che cosa dice la scienza. L'ipotesi della fuga del coronavirus SARS-CoV-2 da un laboratorio era stata definita altamente improbabile dall'OMS in seguito alle indagini dei suoi esperti in Cina, a Wuhan, dove a novembre 2019 si erano registrati i primi casi di covid. Altri studi scientifici molto accreditati e usciti la scorsa estate sulla prestigiosa rivista Science hanno raccolto prove definite "oltre ragionevole dubbio" del fatto che lo "Huanan seafood market", il mercato del pesce di Wuhan, sia stato il primo epicentro di diffusione della CoViD-19, nonché il luogo dove il coronavirus SARS-CoV-2 avrebbe effettuato il passaggio di specie dagli animali all'uomo.

Ne sentiremo ancora parlare. Ma le conclusioni dello studio OMS non avevano soddisfatto molti osservatori occidentali, specialmente negli USA, che hanno accusato la Cina di aver ostacolato le indagini. La stessa OMS ha rinunciato a proseguire i progetti di fase due nelle indagini sulle origini del virus, per via dello scarso accesso alle prove concesso in Cina. Per ora le varie agenzie di intelligence degli Stati Uniti rimangono divise sugli inizi della pandemia, mentre la Casa Bianca resta, nelle parole del consigliere per la Sicurezza Nazionale Jake Sullivan «in attesa di risposte definitive e determinata ad andare a fondo alla questione».

27 febbraio 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us