Salute

Covid: meno decessi nei Paesi guidati dalle donne

Durante il primo anno di pandemia, gli Stati a leadership femminile hanno registrato meno morti per covid rispetto a quelli governati da uomini.

Chiamatelo, se volete, il "fattore Nuova Zelanda": i Paesi guidati da leader donne hanno registrato il 39,9% di morti in meno per covid rispetto alle nazioni governate da uomini. Lo sostiene uno studio dell'Università del Queensland (Australia), che ha valutato in che misura diverse caratteristiche dei singoli Paesi precedenti la pandemia abbiano influito su infezioni e decessi nel primo anno di CoViD-19, tra gennaio e dicembre 2020. La ricerca è stata pubblicata su Scientific Reports.

A caccia di differenze. Gli scienziati australiani hanno analizzato la risposta alla pandemia di 91 Paesi. Anche se molte nazioni hanno adottato approcci simili per contenere la diffusione del virus, ci sono state differenze abissali nel numero di casi e di morti, anche in Paesi simili per condizioni socio-economiche e storia politica, come Australia e Nuova Zelanda. «Benché la popolazione australiana sia solo cinque volte più numerosa di quella della Nuova Zelanda, al 31 dicembre 2020 l'Australia aveva riportato circa 13 volte più infezioni e 36 volte più decessi» spiega Kelvin Tan, autore dello studio.

Uno dei fattori associati a un impatto meno gravoso della covid è stata proprio la presenza di donne ai vertici politici. Forse, ipotizzano i ricercatori, perché «le leader donne tendono ad agire prontamente e in modo deciso e sono più avverse al rischio quando si parla di perdite di vite umane, un fattore essenziale nella prevenzione e negli esiti finali della pandemia». 

Fattori protettivi. Altri elementi che sembrano aver mitigato le conseguenze della covid, perché associati a meno decessi, sono stati il livello di cultura e di fiducia nella scienza della popolazione dei singoli Paesi, oltre alla loro eterogeneità religiosa. Un aspetto interessante riguarda il progresso tecnologico: nei Paesi tecnologicamente più avanzati ci sono stati meno decessi ma più contagi segnalati. Da una parte, infatti, migliore tecnologia significa possibilità di tracciamento digitale dei contatti e maggiore facilità nell'individuare i casi; dall'altra, intervenendo più prontamente si riducono i decessi.

Tra le caratteristiche associate a esiti più drammatici della pandemia, ossia a un numero maggiore di decessi, ci sono un rapporto di genere sbilanciato sui maschi (più predisposti a contrarre la covid in forma grave), la densità di popolazione, l'urbanizzazione, la corruzione politica. Queste informazioni evidenziano che, durante una pandemia, gli interventi volti alla prevenzione hanno un maggiore effetto sulla riduzione delle vittime rispetto alle cure. Quanto scoperto sarà importante nella gestione di future emergenze sanitarie.

23 giugno 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us