Salute

Dovremo vaccinarci contro la covid ogni sei mesi?

Non si può e non serve vaccinare tutti contro la covid due volte l'anno: l'opinione di Andrew Pollard, uno dei creatori del vaccino di Oxford-Astra Zeneca.

Vaccinare periodicamente ogni abitante del pianeta contro la covid non è sostenibile: lo dice forte e chiaro Andrew Pollard, professore all'Università di Oxford che ha contribuito allo sviluppo del vaccino di Oxford-Astra Zeneca. Intervistato dal canale britannico SkyNews, l'esperto ha dichiarato che somministrare a tutto il mondo dosi di rinforzo ogni quattro o sei mesi non solo non è possibile, ma probabilmente nemmeno necessario. «Bisognerà forse vaccinare periodicamente i soggetti più vulnerabili, ma ritengo molto improbabile che dovremo istituire campagne vaccinali regolari rivolte a chiunque abbia più di dodici anni», sottolinea.

Prima la prima (dose). Pollard tocca anche un tema spesso oggetto di discussione, quello della bassissima copertura vaccinale dei Paesi più poveri: «Non siamo nemmeno riusciti a offrire una dose a ogni cittadino africano», commenta: «come potremmo mai arrivare al punto di somministrare la quarta dose a ogni persona del Pianeta?». Secondo l'esperto è necessario avere ulteriori dati per poter decidere quando, quanto spesso e se sarà necessario vaccinare i più vulnerabili - principalmente anziani e persone con patologie pregresse.

Quarta dose: sì o no? Mentre Pollard rifiuta l'idea di una quarta dose per tutti, Israele ha già iniziato le somministrazioni dell'ennesima dose booster agli over 60, e il ministro tedesco della sanità Karl Lauterbach ha dichiarato che una quarta dose "sarà necessaria". Più prudente invece l'immunologo statunitense Anthony Fauci, secondo il quale è ancora prematuro parlare di quarta dose: «Una delle cose che dovremo tenere d'occhio con attenzione è la durata della protezione data dalla dose di rinforzo dei vaccini a mRNA», ha dichiarato Fauci, sottolineando che nel caso in cui la dose booster proteggesse meglio rispetto alle sole due dosi, potrebbe non essere necessaria una quarta dose per lungo tempo.

In balia delle ond(at)e. Ancora una volta bisogna sottolineare che il futuro è solo in parte nelle nostre mani: ci troviamo di fronte a un virus che ogni giorno (o quasi) ci costringe a rivedere le nostre convinzioni alla luce di nuove varianti, perciò possiamo solo aspettare e sperare che Omicron sia la via d'uscita dall'incubo pandemia.

11 gennaio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us