Salute

Covid: che cosa sappiamo oggi della nebbia mentale

I disturbi neurologici post-covid sarebbero causati dalla risposta immunitaria scatenata dall'organismo in risposta all'infezione (ma la situazione sembra reversibile).

Da tempo gli esperti indagano sulle conseguenze psicologiche della covid che, anche a mesi dalla guarigione, sembra lasciare strascichi a molte persone che riferiscono di sentirsi confuse, ansiose o poco concentrate, avvolte in una cosiddetta nebbia mentale. Un articolo di Newscientist fa il punto della situazione riassumendo ciò che è emerso dagli studi condotti finora: questi sintomi non sarebbero la conseguenza diretta di un attacco del virus al cervello, ma piuttosto un danno collaterale della risposta immunitaria scatenata per combattere l'infezione.

Esistono già virus che colpiscono e danneggiano il cervello, come quello del morbillo, della polio o dell'influenza. Tuttavia non sarebbe questo il caso del SARS-CoV-2: se è vero infatti che il coronavirus può entrare nel cervello, non sembra replicarsi o danneggiarne i tessuti e le cellule. Ma allora a cosa sono dovuti confusione, ansia e difficoltà di concentrazione?

Risposta immunitaria. Diversi studi sono giunti alla stessa conclusione, ovvero che la nebbia mentale sia la conseguenza di un'infiammazione causata dalla risposta immunitaria del nostro organismo all'infezione: guardando al fluido cerebrospinale di alcuni pazienti contagiati dalla covid, gli studiosi hanno rilevato che alcune cellule immunitarie producevano delle sostanze chimiche potenzialmente tossiche per le cellule cerebrali; uno studio tedesco effettuato su pazienti deceduti ha inoltre evidenziato un aumento dell'attività delle cellule microgliali, le cellule immunitarie del sistema nervoso centrale.

Parallelismi. Secondo la neuro-oncologa Michelle Monje, della Stanford University, esisterebbero dei parallelismi tra i sintomi della nebbia mentale del long covid e il chemo brain (letteralmente cervello da chemio), la difficoltà nel ricordare e pensare con chiarezza che sperimenta chi ha appena terminato un ciclo di chemioterapia. I sintomi post-chemio sembrano essere causati dalla risposta immunitaria che il corpo scatena in reazione ai farmaci che porta a un rilascio di sostanze chimiche che danneggiano le cellule del cervello e causano l'infiammazione in particolare nelle cellule microgliali, le stesse cellule immunitarie infiammate dei pazienti deceduti in Germania.

Per sempre? Una buona notizia c'è, ed è che i sintomi della nebbia mentale sembrano essere reversibili, anche se ancora non è chiaro fino a quanto tempo dopo la guarigione possano presentarsi: uno studio del 2021 aveva rilevato che un terzo dei guariti presentava disturbi cognitivi o neurologici anche sei mesi dopo l'infezione. «Vogliamo condurre ulteriori ricerche per capire cosa succede dopo 12 o 18 mesi», spiega Maxime Taquet, coordinatore dello studio.

7 febbraio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us