Salute

COVID-19, la corsa dell'Africa per scongiurare i contagi

I legami commerciali tra Africa e Cina rendono elevato il rischio di diffusione del nuovo coronavirus nel continente: un'eventualità preoccupante.

Quando a fine gennaio l'OMS ha dichiarato l'epidemia da COVID-19 un'emergenza sanitaria globale, lo ha fatto soprattutto per il timore che il nuovo coronavirus potesse diffondersi in territori con un sistema sanitario fragile, impreparati ad affrontare un patogeno altamente contagioso. Il pensiero è rivolto ai Paesi a basso-medio reddito già alle prese con altri fenomeni epidemici, politicamente instabili e spesso con strutture sanitarie precarie. Le relazioni commerciali tra Africa e Cina rendono piuttosto elevate le probabilità che il COVID-19 approdi nel continente, in cui vivono 200.000 lavoratori cinesi. Oltre 2.600 voli l'anno collegano Africa e Cina: l'epidemia di SARS del 2003 non riuscì a raggiungere il territorio africano, ma oggi tra queste regioni di mondo ci sono 10 volte più collegamenti aerei di allora.

Quale rischio? A differenza di altri Paesi (inclusa l'Italia), gli Stati africani non hanno interrotto i voli con la Cina. Il rischio di importazione del nuovo coronavirus rimane in ogni caso più elevato nelle nazioni asiatiche, seguite da Nord America ed Europa. Secondo uno studio dell'Università di Southampton citato dal Newscientist, Londra e Tokyo corrono un rischio rispettivamente 10 volte e 60 volte maggiore di registrare un COVID-19 di importazione rispetto a Nairobi o Johannesburg; in altre città africane, le probabilità sono anche inferiori. Il fattore climatico potrebbe inoltre giocare per l'Africa un ruolo protettivo: i coronavirus sono patogeni che si esprimono al meglio al freddo.

pioggia sul bagnato. Se però il virus arrivasse in Africa, povertà, instabilità sociale e sistemi sanitari già fiaccati da altre epidemie (come Ebola, malaria, febbre della Rift Valley) potrebbero amplificare le sue conseguenze: come sappiamo, il virus risulta letale nelle persone in uno stato di salute già compromesso. Per Vittoria Colizza, ricercatrice del Pierre Louis Institute of Epidemiology and Public Health dell'Università della Sorbona, a Parigi, i Paesi più a rischio, in base agli spostamenti e alle capacità di risposta dei rispettivi sistemi sanitari, sono Nigeria, Etiopia, Sudan, Angola, Tanzania, Ghana e Kenya.

Il problema della diagnosi. L'OMS raccomanda di testare la presenza di coronavirus in chiunque mostri sintomi respiratori dopo essere stato esposto a casi noti di COVID-19, o in chi avverta questi disturbi dopo essersi recato in Cina nelle due settimane precedenti. Tuttavia, nella maggior parte dei Paesi dell'Africa il sistema di screening e identificazione del virus è ancora insufficiente: secondo il Newscientist, fino a pochi giorni fa soltanto due laboratori pubblici, in Senegal e Sudafrica, erano in grado di offrire test per il nuovo coronavirus.

Dopo un frenetico aggiornamento dei tecnici di laboratorio di tutto il continente, ora 29 Stati africani possono individuare il patogeno.

Finora non si hanno notizie di casi in Africa, ma se dovessero verificarsi in aree remote, la quarantena potrebbe essere ostacolata dalla sfiducia diffusa nei confronti del personale sanitario: un po' come è accaduto con Ebola, che per certi versi ha già messo alla prova la tenuta dei sistemi di sorveglianza sanitaria. Anche se l'epidemia di Ebola in Congo è ancora in corso, il virus non è riuscito a varcare i confini dello Stato: un primo successo di tenuta che speriamo non debba essere testato di nuovo.

16 febbraio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us