Focus

Coronavirus COVID-19: cosa c'è da sapere Vai allo speciale

COVID-19 e problemi cardiaci: quale legame?

Si indaga sulle complicazioni cardiache nei pazienti con COVID-19: problemi cardiovascolari sono più ricorrenti anche in chi contrae l'influenza.

COVID-19: le conseguenze sulla salute del cuore
Iniziano ad emergere i primi effetti dell COVID-19 sulla salute del cuore. | Shutterstock

Della COVID-19 abbiamo imparato a conoscere i danni polmonari, ma nelle ultime settimane, alcuni studi hanno iniziato ad evidenziare il legame tra l'infezione e le patologie cardiache. Non è ancora chiaro come il nuovo coronavirus influenzi la salute del cuore, ma tra le "condizioni pregresse" che aumentano il rischio di complicanze serie della malattia, in prima linea sembrano esserci quelle cardiovascolari.

 

Relazione a doppio senso. Secondo l'American College of Cardiology, «ci sono state segnalazioni di lesioni cardiache acute, aritmie, ipotensione, tachicardia e di un'alta proporzione di malattie cardiache concomitanti negli individui contagiati, specialmente in coloro che richiedono cure intensive». La presenza di malattie cardiache pregresse è un elemento che può aumentare il rischio di esito sfavorevole della COVID-19, ma questa potrebbe essere solo una faccia della medaglia.

 

Uno studio osservazionale su 416 pazienti con infezione da nuovo coronavirus a Wuhan, in Cina, sembra suggerire che le lesioni cardiache siano una condizione piuttosto ricorrente nei pazienti ricoverati in ospedale con sintomi evidenti, e che esse siano associate a un rischio più elevato di mortalità intraospedaliera. In base a un altro studio pubblicato a marzo sul Lancet, e condotto sempre a Wuhan, anche se non tutti i pazienti gravi con COVID-19 riportano danni cardiaci, tracce di lesioni al cuore sono emerse nel 59% dei deceduti (e solo nell'1% dei guariti).

Sinergia vitale. I termini di questa correlazione saranno tutti da chiarire, ma una certezza è che cuore e polmoni lavorano in stretta connessione (basta calmare il respiro per avvertire un rallentamento nel battito cardiaco, e velocizzare le inspirazioni per sentire il cuore che aumenta il ritmo). Se il cuore è già debole e fatica a pompare sangue ossigenato al resto del corpo, un'infezione delle vie aree profonde, con relative difficoltà nell'ossigenazione del sangue, è uno stress ulteriore su quadro già complesso.

 

In questo, il coronavirus SARS-CoV-2 non ha certo l'esclusiva. È noto che i pazienti con influenza corrono un rischio aumentato di attacchi di cuore e malattie cardiovascolari. In base a uno studio del 2018 pubblicato sul New England Journal of Medicine, nei sette giorni successivi a una diagnosi di influenza è sei volte più probabile avere un infarto. La combinazione tra le due infezioni potrebbe inoltre esacerbare il carico di lavoro sul cuore: in uno studio preliminare su pazienti nell'epicentro dell'epidemia in Cina, il 4% dei casi confermati di COVID-19 aveva contemporaneamente anche un'altra malattia virale (nella maggior parte dei casi, l'influenza) poiché un organismo già impegnato a combattere una patologia è più vulnerabile ad altri malanni.

 

 

28 marzo 2020 | Elisabetta Intini