Salute

Corruzione in corsia, illeciti in un'azienda sanitaria su quattro

E' il quadro dell'indagine Fiaso sulla trasparenza in Asl e ospedali

Roma, 10 giu. (AdnKronos Salute) - Legalità non è ancora la parola d'ordine in sanità, anche se qualcosa sembra migliorare. Tra le aziende sanitarie pubbliche, una su 4 (il 26%) ha ricevuto nel 2014 almeno una segnalazione di illecito. Ma in due anni tutte le aziende hanno investito per trasparenza e l'88% ha messo in piedi un meccanismo di monitoraggio del Piano anticorruzione. Un provvedimento troppo spesso percepito come un adempimento burocratico e con nodi ancora da sciogliere. Come quella sull'obbligo di rotazione del personale addetto a 'funzioni sensibili', di difficile applicazione, sia per oggettive carenze di personale, ma soprattutto per professionalità non facili da sostituire.

E' il quadro dell'indagine sulla trasparenza in Asl e ospedali, condotta dalla Fiaso e presentata al convegno 'Etica, trasparenza e legalità nelle aziende sanitarie', aperto oggi a Roma. Una rilevazione effettuata su un campione esteso di 78 aziende. Realtà che al 50% percepiscono l'applicazione della normativa anticorruzione come "parzialmente adempitiva-burocratica". Una percezione particolarmente marcata nel 19% delle aziende. Eppure la norma è giudicata efficace. Alla domanda sulla capacità di incidere in futuro sul fenomeno corruttivo, il 47% ha risposto "sufficientemente", il 35% "abbastanza" e il 5% "molto".

Gran parte di Asl e ospedali, inoltre, si è già attrezzata per mettere in pratica il Piano anticorruzione. L'88% ne ha già effettuato il monitoraggio: molte con sistemi informatici tradizionali, alcune inserendo obiettivi specifici nel sistema di budget annuale, altre con controlli a campione, molto poche con un sistema informativo dedicato. L'adozione di una specifica procedura di rilevazione frodi è stata dichiarata dal 73% delle aziende, anche se molte hanno optato per procedure informatiche 'fatte in casa' e solo 3 sono ricorse a un sistema criptato in linea con i criteri della delibera Cipe numero 6 di quest'anno. Nel 58% dei casi è stata prevista una procedura per segnalare miglioramenti organizzativi in funzione della trasparenza e delle legalità. Procedura che nel 60% del campione ha coinvolto i cittadini tramite gli Urp e nel 18% dei casi i dipendenti.

La figura del 'coordinatore dei controlli' è prevista invece solo nel 17% delle aziende, mentre un 'Bilancio sociale' o di missione è stato adottato dal 32% del campione. Riguardo i controlli interni, le maggiori criticità si sono rilevate nell'area delle libera professione intramuraria (13% dei casi), mentre qualche problema è emerso anche nell'attività di ricerca (9%) e nelle aree del personale dipendente e della gestione economico-finanziaria (entrambe con l'8% dei casi). Specifiche attività di controllo sono previste per un po' tutte le aree, con percentuali tra l'81 e il 93%, fatta eccezione per l'attività di ricerca dove tarli procedure sono state comunque avviate dal 78% delle aziende.

Più complessa la situazione nei controlli esterni, dove un 17% dei problemi si è rilevato per quelli sulle strutture convenzionate, il 13% nella vigilanza sulle farmacie private, l'11% nell'attività di sanità pubblica. Rispetto all'attuazione delle misure per la trasparenza, le maggiori problematiche sono state rilevate per la scarsa informatizzazione e i tempi troppo lunghi dei procedimenti, mentre rispetto al Piano anticorruzione le difficoltà maggiori sono state riscontrate nell'applicazione delle rotazione del personale addetto a funzioni sensibili, che per le aziende deve essere comunque prevista nel medio-lungo periodo. L'indagine Fiaso proseguirà con una mappatura dei controlli esistenti, per evidenziare le migliori pratiche da mettere in rete.

10 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us