Salute

Coronavirus: le mascherine bloccano la trasmissione?

Le mascherine vanno a ruba eppure sono efficaci solo in parte. Contro il coronavirus è meglio lavarsi spesso le mani, stare attenti a cosa si mangia e a come si starnutisce.

Nonostante il picco di vendita di mascherine nelle aree colpite dal 2019-nCOV (il famigerato coronavirus), sull'efficacia di questi dispositivi nella prevenzione del virus in Cina gli esperti si dividono. Molti infettivologi sostengono che le maschere chirurgiche che coprono naso e bocca possano ostacolare la trasmissione del coronavirus; tuttavia, la maggior parte degli studi scientifici sull'efficacia delle mascherine è stata svolta su medici e infermieri che sono per studi e formazione portati ad utilizzarle correttamente, e non su persone comuni che possono compiere errori nel loro impiego.

Pro e contro. Il virus in Cina è un coronavirus simile alla SARS che si trasmette da uomo a uomo probabilmente attraverso la saliva, e che ha dato finora prova di essere estremamente infettivo (qui l'aggiornamento sul numero di casi accertati). Indossare una mascherina può aiutare a prevenire la trasmissione mani-bocca: il virus si fa strada nell'organismo attraverso le mucose, e ognuno di noi si tocca la faccia in media 23 volte all'ora. Le maschere possono ridurre il rischio di contrarre l'infezione attraverso gli schizzi di saliva rilasciati da tosse e starnuti, ma la protezione che offrono è solo parziale.

La maggior parte delle maschere in vendita non è aderente sui lati e lascia spiragli scoperti. Queste protezioni sono spesso prive di filtri per l'aria (presenti invece nei respiratori) e non possono coprire gli occhi - un'altra potenziale via di accesso al virus, le cui modalità di trasmissione non sono ancora del tutto comprese.

Che cosa possiamo fare. Indossare una maschera può abbassare le probabilità di contagio, a patto che ci si ricordi di non toccarsi il volto con le mani, di non togliersela per rispondere al telefono e di assicurarsela su bocca, mento e naso, facendo attenzione che aderisca bene al viso. Un'altra raccomandazione è quella di adoperarla con costanza, ma nei Paesi esterni alla Cina, dal momento che l'OMS ha per ora escluso l'emergenza internazionale, l'utilizzo della maschera non è particolarmente utile.

Altre misure raccomandate dall'OMS sono invece prioritarie, per contenere la trasmissione. Il modo migliore per tenere alla larga patogeni di qualunque tipo è lavarsi di frequente le mani, con acqua calda e sapone per almeno 20 secondi da entrambi i lati, soprattutto prima di mangiare. In mancanza d'acqua, vanno bene anche i disinfettanti per la mani a base alcolica.

Altre buone regole sono limitare i contatti con le persone che presentino sintomi respiratori, starnutire in un fazzoletto (da gettare) o coprendosi naso e bocca nell'incavo del gomito; evitare i contatti con animali o con le superfici da essi toccate se si visita un mercato cittadino; non mangiare prodotti animali crudi o poco cotti, e fare attenzione ai contatti tra questi alimenti e altri cibi in frigoriferi e dispense, per evitare trasmissioni incrociate.

Infine, chiunque presentasse sintomi come febbre, tosse, difficoltà a respirare dopo un viaggio nelle aree colpite è invitato a rivolgersi immediatamente a un medico, raccontando i propri spostamenti. 

23 febbraio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us