Salute

Quanto la covid si diffonde per via aerea?

OMS: la trasmissione della covid con la semplice respirazione, anche senza tosse, non è da escludersi, soprattutto in ambienti chiusi e poco ventilati.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità potrebbe rivedere le linee guida sulla trasmissione della covid, dopo la richiesta di centinaia di scienziati di riconsiderare la possibilità che il virus SARS-CoV-2 si diffonda non solo attraverso le più plateali emissioni di "goccioline infette" di quando si tossisce o starnutisce (droplets), ma anche mediante particelle più piccole esalate quando parliamo o respiriamo (aerosol).

Queste ultime, più fini e leggere, potrebbero rimanere nell'aria per ore. Se il contagio avvenisse anche così, bisognerebbe rafforzare misure come distanziamento e mascherine, e migliorare l'aerazione dei luoghi chiusi e affollati, a cominciare dagli ospedali.

Una nuova prospettiva. Sembra una questione di tecnicismi e forse lo è, ma le ricadute sono squisitamente pratiche. Per mesi, l'OMS ha spiegato che la covid si trasmette attraverso i droplets, ossia le goccioline più grandi di saliva, espulse con forza da naso e bocca quando si tossisce o starnutisce. I droplets sono abbastanza pesanti da non rimanere a lungo nell'aria: ricadono quasi subito sulle superfici - ecco perché da febbraio ci laviamo più spesso le mani, igienizziamo le maniglie ed evitiamo, quando possibile, di toccarci bocca, naso e occhi.

Tuttavia sono in molti, nella comunità scientifica, a ritenere che vi siano prove importanti della possibilità di trasmissione del coronavirus anche attraverso le più fini particelle di gas e saliva (aerosol) che emettiamo senza accorgerci quando parliamo e respiriamo. Sia i droplets sia gli aerosol viaggiano nell'aria, ma se per i primi la permanenza "in volo" è limitata, i più leggeri aerosol formano invece nuvole che rimangono sospese nell'aria anche per ore: se il virus viaggiasse anche così dovremmo concentrarci su alcune specifiche forme di prevenzione, come un più netto distanziamento, l'obbligo di mascherine nei luoghi chiusi e il divieto di assembramenti in locali che non garantiscano una buona ventilazione.

Rischio invisibile. Negli ultimi mesi si era dibattuto molto sul numero di metri di distanza da mantenere nonché sulle circostanze che facilitano la trasmissione. Da tempo si diceva, per esempio, che per un paziente positivo fosse sufficiente cantare o parlare a voce alta per aumentare il rischio di contagio. Il 6 luglio, 239 scienziati di 32 diversi Paesi hanno inviato all'OMS una lettera aperta per dire che esistono sempre più prove del fatto che il SARS-CoV-2 possa rimanere sospeso per ore in piccole goccioline di aria stagnante, una circostanza che potrebbe spiegare alcuni recenti eventi di super diffusione nei mattatoi, nelle chiese e nei ristoranti.

Dove magari non si starnutisce, ma si condivide la stessa aria per ore al chiuso, respirando uno sull'altro.

Non è chiaro, si legge nel documento, quanto spesso questo avvenga rispetto alla trasmissione via droplets o superfici infette; ma bisognerebbe considerare di ridurre il tempo trascorso al chiuso con persone che non siano della propria famiglia, e scuole, ospedali, case di riposo e aziende dovrebbero provvedere ad aggiungere nuovi filtri per l'aria o luci ultraviolette capaci di contrastare le particelle virali.

Questione di misure. L'unica differenza tra droplets e aerosol è nelle dimensioni delle goccioline: talvolta gli scienziati chiamano aerosol i droplets di meno di 5 micrometri di diametro (un decimo dello spessore di un capello). Più piccoli dei droplets, gli aerosol contengono anche meno carica virale, ma essendo più leggeri possono persistere nell'aria per ore, soprattutto in assenza di ricircolo. Ecco perché, se i timori fossero confermati, distanziamento e lavaggio delle mani potrebbero non bastare. Occorrerebbe incoraggiare lo svolgimento delle attività all'aperto e investire su mascherine e ventilazione per rendere meno rischiosi i luoghi chiusi. L'OMS si è presa qualche giorno di tempo per rivedere tutti gli studi sul tema fin qui pubblicati ed eventualmente aggiornare le sue raccomandazioni.

11 luglio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us