Salute

Isolato coronavirus negli occhi di una paziente negativa al tampone nasale

Il coronavirus era presente nelle lacrime di una paziente negativa al tampone nasale: un motivo in più per continuare a evitare di toccarsi gli occhi, oltre che naso e bocca, e a lavarsi spesso le mani.

L'Istituto Spallanzani di Roma ha rilevato elevati livelli di particelle virali del coronavirus SARS-CoV-2 nelle secrezioni oculari della prima paziente ricoverata in Italia per CoViD-19, la turista 65enne di Wuhan che a fine gennaio era atterrata a Roma con il marito. Secondo quanto afferma lo studio, pubblicato su Annals of Internal Medicine, il virus sarebbe stato rilevato diversi giorni dopo che i tamponi nasali erano risultati negativi.

Il ricovero e i sintomi. Era il 23 gennaio quando la paziente venne ricoverata allo Spallanzani con i sintomi della CoViD-19: inizialmente tosse secca, mal di gola, rinite e congiuntivite, successivamente anche febbre, nausea e vomito. Un tampone oculare effettuato tre giorni dopo il ricovero rilevò tracce di RNA di SARS-CoV-2 negli occhi. Ventiquattro giorni dopo, nonostante il tampone nasale risultasse negativo, quello oculare continuava ad essere positivo: non solo vi erano numerose particelle virali di SARS-CoV-2, ma il coronavirus era vivo, poiché continuava a replicarsi.

L'importanza della prevenzione. «I fluidi oculari di pazienti affetti da CoViD-19 potrebbero contenere il virus, ed essere quindi fonte di infezione», spiegano gli autori. Per questo, sottolineano, è fondamentale adottare misure preventive (quelle che ripetiamo dallo scoppio dell'epidemia): evitare di toccarsi naso, bocca e occhi, e lavarsi spesso le mani.

Non è ancora chiaro quanto il virus contenuto nei campioni estratti dalle secrezioni oculari sia contagioso, ma, seguendo la regola secondo cui prevenire è meglio che curare, i ricercatori auspicano che «vengano adottate il prima possibile misure che prevengano la trasmissione attraverso questo canale».

23 aprile 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us