Salute

Tra le conseguenze della COVID: una sindrome da fatica post-virale?

Ai guariti la COVID potrebbe lasciare, come sgradito regalo, un affaticamento cronico con dolori muscolari e problemi del sonno, com'è successo con la SARS.

Spossatezza, affaticamento, disturbi muscolari e del sonno potrebbero rappresentare una sgradita conseguenza della COVID-19. È la tesi di alcuni ricercatori, che temono il dilagare di una seconda epidemia: quella della sindrome da fatica post-virale, che potrebbe manifestarsi in una percentuale significativa dei pazienti guariti.

Un senso di stanchezza senza fine ed assenza di energia - in gergo medico, fatigue - viene spesso associato ai postumi delle infezioni virali. Per esempio la sindrome da fatica cronica o encefalomielite mialgica (CFS/ME), una condizione a lungo termine che comporta sintomi come estrema stanchezza non alleviata dal riposo, dolore cronico, confusione mentale, difficoltà nel sonno e nella memoria, si scatena spesso dopo un'infezione virale, non è chiaro se a causa del patogeno stesso (forse il virus di Epstein-Barr, responsabile della mononucleosi) o di una risposta eccessiva del sistema immunitario. E proprio l'iper attivazione del meccanismo di difesa dell'organismo fa pensare che anche la COVID-19 possa scatenare simili conseguenze.

Guariti, ma stanchi. Come riportato in un articolo sul New Scientist, i sintomi di una sindrome da stanchezza post-virale erano già stati evidenziati in alcuni pazienti sopravvissuti alla SARS nel 2003. Un piccolo studio condotto a Toronto (Canada) su 22 persone guarite dalla SARS, ma debilitate al punto di non riuscire più a recarsi al lavoro, ha evidenziato disturbi del sonno, affaticamento nelle ore diurne, dolori muscolari e debolezza diffusa, depressione: problemi analoghi a quelli associati alla sindrome da fatica cronica. Dato il ristretto campione, tuttavia, non è noto quale percentuale di guariti dalla SARS abbia riportato questi sintomi, né quanto a lungo siano durati.

Trauma o infezione? Vista la somiglianza tra il SARS-CoV-2 e il SARS-CoV (il coronavirus della SARS), e l'affinità tra malattie virali e sindromi da fatica cronica, è possibile aspettarsi casi simili anche nei guariti da COVID-19. Per quanto riguarda la SARS, una ragione dei problemi del sonno, dell'affaticamento e della depressione potrebbe essere rintracciabile nell'esperienza traumatica vissuta dai pazienti durante la malattia, e nei problemi legati all'isolamento dalle famiglie. Ma c'è anche la possibilità che questi sintomi siano il diretto risultato dell'azione del virus, capace di attaccare il sistema nervoso: particelle del virus della SARS sono state isolate nel citoplasma dei neuroni dell'ipotalamo e della corteccia cerebrale. Anche nei pazienti con COVID-19 stanno iniziando ad emergere evidenze di sintomi neurologici.

19 aprile 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us