Salute

Come il tabacco ucciderà più di 1 miliardo di fumatori (entro la fine del secolo)

Un vasto studio condotto in Cina, dove il tabagismo è un problema serio, rivela 56 malattie alle quali rischia di andare incontro chi fuma tabacco. E non si tratta solo di tumori e patologie respiratorie.

Entro la fine del secolo il tabacco avrà ucciso un miliardo di persone, principalmente in Paesi a basso e medio reddito come la Cina: il come lo spiega uno studio pubblicato su The Lancet Public Health, che ha analizzato le abitudini e la salute di oltre 500.000 cinesi fumatori nell'arco di 11 anni. Oltre ad aumentare il rischio di morte prematura, il fumo incrementerebbe anche quello di sviluppare una serie di malattie che colpiscono non solo i polmoni, ma anche altri organi del corpo.

Lo studio. La ricerca ha incluso 512.000 adulti (dai 30 ai 79 anni, 210.000 uomini e 302.000 donne), reclutati tra il 2004 e il 2008 e seguiti mediamente per 11 anni, provenienti da dieci diverse aree urbane e rurali della Cina. Di tutti i partecipanti, uno su tre (quasi sempre un uomo) aveva fumato regolarmente almeno per un periodo della vita: durante lo studio sono statidiagnosticati 1,14 milioni di nuovi casi di malattie, e quasi 50.000 partecipanti sono morti.

I rischi connessi. Di tutte le 85 cause di morte e le 480 malattie studiate, il fumo è risultato un fattore di rischio per 22 cause di morte (17 per gli uomini e nove per le donne) e 56 malattie (50 per gli uomini e 24 per le donne). In confronto ai non fumatori, i tabagisti avevano un rischio mediamente maggiore del 10% di sviluppare una qualunque malattia – dal 6% del diabete al 216% del tumore alla laringe.

Peggio gli uomini o le donne? Il problema è maggiore negli uomini cinesi, ma solo perché normalmente fumano di più e più regolarmente delle donne: queste ultime, infatti, sono relativamente più a rischio di soffrire di malattie respiratorie rispetto agli uomini, e sono più vulnerabili agli effetti dannosi del tabacco. A prescindere dal sesso, i fumatori muoiono mediamente dai tre ai cinque anni prima rispetto ai non fumatori, e tra gli uomini questo divario è destinato ad aumentare notevolmente nei prossimi decenni, se non si farà nulla per cambiare la situazione.

Pacchetti di sigarette cinesi
Tra le patologie a cui sono più esposti i fumatori vi sono l’asma, l’ulcera peptica, la cataratta, il diabete e altre malattie metaboliche. Per scoraggiare i fumatori, sarebbe il caso che la Cina iniziasse a stampare sui pacchetti le immagini dei malati, come avviene qui in Italia e in molte parti del mondo. In foto, i pacchetti di sigarette attualmente venduti in Cina. © JUN YANG | Shutterstock

Unica speranza: smettere di fumare. Circa la metà degli uomini che iniziano a fumare prima dei 18 anni finisce per morire a causa del tabacco, a meno che non smetta per sempre: a dieci anni dallo stop, i rischi sanitari per gli ex fumatori sono pari a quelli di chi non ha mai fumato. «Due terzi dei giovani uomini cinesi fumano, e la maggior parte inizia prima dei 20 anni», sottolinea Liming Li, uno degli autori, che avverte: «a meno che non smettano, circa la metà di loro verrà uccisa da questo vizio».

Pacchetti più espliciti. Il tabagismo in Cina è un problema molto serio: circa il 40% del tabacco di tutto il mondo viene fumato dai cinesi, quasi esclusivamente da uomini. Secondo Zhengming Chen, uno degli autori dello studio, per limitare i tremendi rischi sanitari che deriveranno nei prossimi anni da questa abitudine è necessario aumentare il prezzo delle sigarette e segnalare chiaramente nei pacchetti (come avviene nella gran parte del resto del mondo) le malattie alle quali si va incontro fumando. 

14 dicembre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us