Salute

Cocaina e cervello: all'origine della dipendenza

Mappato il circuito cerebrale coinvolto durante la sua assunzione: lo studio di questa rete di attivazioni potrebbe servire a capire le cause neurologiche di abuso e astinenza.

Il picco di energia e iperattività che sperimenta chi ha appena fatto uso di cocaina ha una precisa corrispondenza neurologica: un gruppo di ricercatori ha tracciato, per la prima volta, le varie "tappe" del circuito cerebrale che porta all'attivazione - in chi assume cocaina - dei neuroni che producono dopamina, un neurotrasmettitore coinvolto nei meccanismi del piacere e della dipendenza.

Più sensibili. Nell'articolo pubblicato su Cell Reports, i ricercatori dell'Università di Bordeaux (Francia) spiegano che la stimolazione, nei topi, di una parte dell'ippocampo chiamata subiculum ventrale, un'area del cervello già associata alla dipendenza indotta da droghe, manda in uno stato di iperattivazione i neuroni dell'area tegmentale ventrale, implicata nel sistema della ricompensa del cervello. Questo stato di eccitabilità aumenta, per cinque giorni, la sensibilità del cervello e la risposta comportamentale a dosi sempre più basse di cocaina, quantità che normalmente non darebbero effetti così evidenti.

«Attraverso la stimolazione sinaptica (una tecnica di stimolazione elettrica delle connessioni tra neuroni che riproduce, nel cervello, gli stessi effetti di una massiccia dose di cocaina) siamo riusciti a modificare la plasticità dei neuroni dopaminergici» spiega Francois Georges, tra gli autori. «Con questa stimolazione abbiamo portato il cervello ad una fase in cui è più sensibile a basse dosi di cocaina. Come se l'avessimo preparato a divenire più recettivo alla droga».

A lungo termine. Si spiegherebbe così perché a una prima dose, "tanto per provare" ne seguano spesso, inesorabilmente, altre. Nel lungo periodo, l'ipotesi è che il consumo di cocaina e, con esso, la costante attivazione dei neuroni che producono dopamina, generi un processo di desensibilizzazione agli effetti della cocaina. E quindi la necessità di consumarne in dosi maggiori. Il circuito mappato dai ricercatori francesi coinvolge, oltretutto, anche una porzione dell'amigdala (una regione cerebrale coinvolta nei processi di apprendimento e nella motivazione).

Terapia. Serviranno ulteriori studi per capire come sfruttare questo network di attivazioni in fase terapeutica: «Abbiamo trovato un meccanismo che rende la cocaina più potente - conclude Georges - ora l'idea è di manipolarlo per vedere se riusciamo, invece, a ridurne gli effetti»

1 dicembre 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Da Suzy Solidor ad Alice Prin, da Luisa Casati a Dora Maar. Ambizioni, amori, talenti ed eccentricità delle donne che hanno ispirato i più grandi artisti del Novecento (e non solo). E ancora: dalle latrine romane al trono-gabinetto del Re Sole, la storia del bagno e dei nostri bisogni più intimi; i prìncipi secondogeniti che si sono ribellati alle leggi di successione, e ne hanno combinate di tutti i colori.

ABBONATI A 29,90€

Alla scoperta della pelle, l’organo più esteso del corpo che si rinnova in continuazione e definisce il nostro aspetto. E ancora: come funziona il nuovo farmaco per il tumore della mammella; le ultime meravigliose sorprese della Via Lattea; l'addestramento degli equipaggi degli elicotteri di salvataggio; dove sono le riserve maggiori di gas e con quali tecniche si estrae e distribuisce.

ABBONATI A 31,90€
Follow us