Salute

Cnr, adolescenti bevono meno ma in più posti in un solo giorno

Studio dall’Osservatorio giovani e alcol realizzato dall’Istituto di fisiologia clinica

Roma, 8 lug. (AdnKronos Salute) - Il consumo di alcol tra gli studenti italiani di 15-19 anni, pur molto diffuso, mostra un trend decrescente. Dal 2002, la riduzione annua è dello 0,7% per i maschi e dal 2004 è dell'1,3% per le femmine. Non si evidenziano invece variazioni significative per i maggiorenni. E' quanto rileva lo studio promosso dall’Osservatorio permanente giovani e alcol (Opga) e realizzato dall’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Ifc-Cnr).

Si tratta di una sintesi delle principali evidenze emerse dall'analisi, allargata a dieci anni, sul consumo di alcool tra i giovani, che verrà discussa domani in un incontro a Roma al Cnr. Dal lavoro emerge che a bere alcolici sono più i maschi delle femmine; che tra i 15 e i 17 anni ci sono meno bevitori rispetto alle classi di età maggiori; che tra i maschi la maggioranza dei giovani consumatori ha tra 25-34 anni; che tra le ragazze è tra i 18 e i 24 anni. Ma cosa e dove si beve? "Uno dei dati più rilevanti delle diverse indagini - sottolinea la ricerca - converge sulla diminuzione del consumo di birra e vino tra i minorenni. Tra i più grandi, la diminuzione del consumo di vino, birra e amari si accompagna ad un leggero aumento degli aperitivi alcolici e dei superalcolici. Secondo alcune evidenza aumenta tra i 15 e i 19 anni la tendenza a bere in più posti nello stesso giorno e, nello specifico, in case private ed esercizi pubblici. Diminuiscono gli adolescenti che bevono solo in spazi aperti".

I ricercatori hanno analizzato diverse survey. Dati che hanno permesso di indagare sulla diffusione dei consumi di bevande alcoliche nella popolazione giovanile; l’impatto dei consumi a rischio; le caratteristiche del consumo e dell’abuso giovanile.

Secondo i dati Doxa-Opga, l'ubriachezza e l'ebrezza aumentano tra i 25-34 anni, ma la fascia più coinvolta rimane quella tra i 18 ed i 24 anni, aspetto quest’ultimo che richiede particolare attenzione. Lo studio Hbsc mostra una lieve diminuzione tra il 2006 e il 2010 dei quindicenni che hanno avuto esperienza di ubriachezza almeno due volte nella vita, sia tra i maschi che tra le femmine. Diminuisce anche la prevalenza di giovani che dichiarano episodi di 'binge drinking'. Secondo i dati Multiscopo-Istat, i giovani che hanno riferito almeno un episodio nell’anno hanno registrato, nel periodo 2005-2012, una significativa riduzione percentuale annua del 9,8% tra le 15-17enni e dell’1,9% tra i maschi 18-24enni.

"Questi risultati - commenta Enrico Tempesta, presidente dell’Osservatorio Permanente sui Giovani e l’Alcol - se da una parte sono indicativi di una progressiva presa di coscienza della necessità di un bere responsabile, dall’altra impongono ai 'policy makers' di adottare un approccio bio-psico-sociale piuttosto che tradizionalmente sanitario non solo sul piano interpretativo dei fenomeni legati all'alcol ma soprattutto sul piano delle implicazioni di prevenzione.

Infatti - aggiunge - oltre alla necessità di implementare una educazione al bere responsabile, diviene urgente adottare misure di intervento precoce nel disagio giovanile dove la vulnerabilità individuale psico-biologica e sociale rappresenta l’apripista non solo a comportamenti a rischio alcool, ma anche a quelli collegati alla droga e al gioco d’azzardo".

8 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us