Salute

Ciot2016, appello oncologi per case 'no smoking'

Roma, 23 giu. (AdnKronos Salute) - Fuma in casa il 20% degli italiani, percentuale che arriva al 29% in Umbria e scende al 9% in Veneto. A mettere in guardia da questa abitudine sono gli esperti riuniti a Napoli per Ciot2016, la Conferenza internazionale di oncologia toracica, in corso a Napoli fino a sabato 25 giugno. Il fumo, ricordano, resta il principale alleato del tumore al polmone, che si conferma ancora un big killer.

"Se domani la popolazione mondiale decidesse di smettere di fumare - dice Filippo de Marinis, Past President Aiot - tra 20/30 anni il carcinoma polmonare risulterebbe abbattuto del 90%, un risultato che mai nessuna terapia potrà ottenere". Una lezione che dovrebbero imparare soprattutto le donne: "Il tumore del polmone cresce tra le donne perché continuano a fumare - avverte Cesare Gridelli , presidente dell’Associazione italiana oncologica toracica (Aiot) - ma l'aumento dell’incidenza della malattia in donne non fumatrici ci fa ipotizzare che ci sia anche una causa genetica e ormonale".

Da un’indagine condotta dall’Istituto superiore di sanità si scopre che su 100 italiani solo 79,6 pensano che le case siano 'libere da fumo', i restanti 20 ammettono che le loro abitazioni non sono 'no smoking': di più in Umbria, Molise e Campania, mentre i più bravi sono i veneti (solo il 9% fuma). L’appello rivolto dagli oncologi a tutti è di "liberare le case dal fumo, almeno per la salute di chi vi vive accanto". In Italia, secondo dati l’Istat , fuma il 19,5% degli 'over 14', mentre il 22,6 % ha smesso.

23 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us