Salute

Il cibo processato fa aumentare obesità e diabete: nel 2019 abbiamo perso 160 milioni di anni di vita sana

I ricercatori hanno fatto i conti e scoperto che nel 2019 sono stati persi 160 milioni di anni di vita (o di vita sana) a causa dell'obesità. Ma aumentano anche altre malattie metaboliche.

Le malattie del metabolismo (il processo che trasforma il cibo che mangiamo in energia) sono in aumento in tutto il mondo, e a farne le spese sono soprattutto gli abitanti dei Paesi a basso reddito.

Uno studio guidato dall'Università nazionale di Singapore ha rianalizzato i dati del Global Burden of Disease, Injuries, and Risk Factors Study, il rapporto che ogni anno fotografa le cause di morte e disabilità in più di 200 Paesi, e concluso che, dal 2000 al 2019, è aumentata l'incidenza di una serie di malattie metaboliche tra loro collegate: obesità, ipertensione (pressione alta), diabete di tipo 2, colesterolo alto e steatosi epatica non alcolica (l'accumulo di grasso nelle cellule del fegato).

Un bollettino di guerra. In base alla ricerca pubblicata su Cell Metabolism, l'incidenza del diabete di tipo 2 è aumentata di oltre l'1,5% all'anno in questo arco di tempo: nel 2019 si sono registrati 5.282 casi ogni 10.000 persone. Anche il numero di decessi e di anni di vita sana persi a causa del diabete di tipo 2 sono cresciuti, rispettivamente dello 0,08% e dello 0,77% all'anno, nonostante gli sforzi messi in campo da molti Paesi per contrastare questa malattia.

Per quanto riguarda l'obesità, nei 20 anni considerati dallo studio, gli anni di vita sana persi a causa di questa condizione sono cresciuti dello 0,5% all'anno, raggiungendo - nel 2019 soltanto - la cifra vertiginosa di 160,2 milioni complessivi. Nel 2019, obesità e colesterolo alto sono stati responsabili di cinque milioni e 4,3 milioni di morti nel mondo, rispettivamente.

Una tira l'altra. Il punto è che queste malattie non si verificano in modo isolato, ma condividono le stesse cause, ossia alcune disfunzioni nei processi che regolano la risposta dell'organismo all'insulina, nel modo in cui vengono utilizzati zuccheri e lipidi e in alcuni meccanismi infiammatori e immunitari. Oltre ad avere un'origine comune, le condizioni metaboliche studiate sono anche tutte legate all'insorgenza di altre malattie croniche come il cancro.

Chi ne paga le spese. Come spiegato su Nature, da questi dati emerge chiaramente un problema di disuguaglianze economiche e di diritto alla salute negato. Gli anni di vita sana persi a causa dell'obesità stanno infatti aumentando nei Paesi a basso e medio reddito e diminuendo in quelli a reddito medio-alto e alto.

Questo perché in molti Paesi del mondo, mettere cibo sano sulla tavola è per molte famiglie troppo costoso. Si ricorre allora a cibo molto lavorato, ricco di zuccheri e di grassi, che insieme al difficile accesso alle cure mediche e al poco esercizio fisico è un fattore di rischio per le malattie metaboliche.

Cambiare direzione. Per altri ricercatori non coinvolti nello studio, è difficile stimare le morti direttamente attribuibili alle malattie metaboliche, perché la maggior parte delle persone che ne soffrono muore di eventi cardiovascolari, problemi renali o cancro, e non direttamente per queste condizioni.

Ma al di là delle sottigliezze statistiche, è indubbio che il trend stia andando nella direzione sbagliata rispetto a quanto desiderabile e a quanto auspicato dagli Obiettivi dell'Agenda 2030 (come l'Obiettivo 3: garantire una vita sana e promuovere il benessere di tutti e a tutte le età).

Se le diete continueranno ad arricchirsi di cibi processati «la prevalenza dell'obesità continuerà ad aumentare, e questo farà crescere le condizioni a essa legate», dice Hu. «Con conseguenze globali serie in termini economici e di salute pubblica».

15 marzo 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us