Salute

Chirurgia del pancreas: la tecnica dell'autotrapianto cellulare

Con il trapianto delle isole pancreatiche del paziente si riduce la gravità del diabete causata dall'asportazione parziale o totale del pancreas. Lo studio di Humanitas e San Raffaele.

Una procedura all'avanguardia per ridurre i rischi degli interventi chirurgici al pancreas e, allo stesso tempo, migliorare la qualità della vita post operatoria dei pazienti, facilitando la gestione del diabete, è stata messa a punto da un gruppo di ricercatori del San Raffaele Diabetes Research Institute e di chirurghi del Pancreas Center dell'IRCCS Ospedale San Raffaele e dell'IRCCS Istituto Clinico Humanitas di Rozzano. Lo studio è stato pubblicato su Annals of Surgery.


La ricerca dimostra che è possibile ridurre le varie complicanze di alcuni interventi pancreatici particolarmente complessi associando, all'asportazione totale del pancreas, l'autotrapianto di isole pancreatiche del paziente; in tal modo, è possibile conservare - almeno in parte - la produzione di ormoni pancreatici, insulina e glucagone necessari per regolare il controllo della glicemia dopo l'intervento. 

Tutto questo come alternativa all'intervento standard di duodenocefalopancreasectomia (asportazione della testa del pancreas, del duodeno e della via biliare terminale) che è, infatti, uno degli interventi a maggior rischio di complicanze di tutta la chirurgia addominale: la più frequente è la fistola pancreatica, cioè la fuoriuscita di succhi pancreatici che può danneggiare i tessuti circostanti, causando infezioni ed emorragie.

Gestire il diabete. Spiega Gianpaolo Balzano, chirurgo del Pancreas Center dell'IRCCS Ospedale San Raffaele: «Quando il pancreas è molto fragile, il chirurgo è consapevole che dopo l'intervento si svilupperà una fistola pancreatica, tuttavia non asporta completamente il pancreas poiché teme le conseguenze metaboliche che ne deriveranno. Questo studio dimostra, per la prima volta, che grazie alle nuove terapie di trapianto cellulare, c'è un'alternativa, e che l'autotrapianto di isole pancreatiche permette di ricorrere alla pancreasectomia totale con meno timori di peggiorare la qualità di vita del paziente».

I risultati dello studio hanno infatti confermato che la pancreasectomia totale con l'autotrapianto di isole ha permesso di preservare, almeno in parte, la produzione di ormoni pancreatici, migliorando il controllo glicemico postoperatorio e facilitando la gestione del diabete conseguente alla pancreasectomia totale. 

Isole pancreatiche
Le isole pancreatiche contengono le cellule capaci di secernere l'insulina. © Humanitas

L'autotrapianto cellulare. Il trapianto delle proprie isole pancreatiche (o autotrapianto) consiste nell'estrarre dal pancreas asportato il tessuto endocrino e nella sua infusione nella vena porta, ingegnerizzando così il fegato affinché produca l'insulina senza la necessità di assumere una terapia immunosoppressiva.

«Nel corso degli anni, l'autotrapianto è stato utilizzato quasi esclusivamente in pazienti sottoposti ad asportazione del pancreas a causa di pancreatite cronica, quando non è possibile trattarla con procedure mediche e chirurgiche standard.

Lo studio appena pubblicato, dimostra come si possa ampliare l'utilizzo del trapianto di isole, in sicurezza, anche in presenza di altre patologie quali per esempio il tumore del pancreas», aggiunge Alessandro Zerbi, responsabile Chirurgia Pancreatica dell'IRCCS Istituto Clinico Humanitas.

Conclude Lorenzo Piemonti, direttore del San Raffaele Diabetes Research Institute dell'IRCCS Ospedale San Raffaele. «Lo studio ci ha permesso di dimostrare che possiamo offrire nuove soluzioni, sicure ed efficaci, a pazienti che si presentano con caratteristiche e rischi chirurgici diversi. Di fatto è un esempio di medicina di precisione con l'utilizzo di una terapia cellulare personalizzata finalizzata a ottenere il risultato migliore per il singolo paziente». 

4 ottobre 2022 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us