Salute

Se te l'aspetti, senti anche una voce che non c'è

Non è difficile indurre chiunque ad avere un'allucinazione uditiva: un nuovo studio fa luce su come il nostro cervello può generare percezioni inesistenti.

Chi soffre di schizofrenia e altri disturbi mentali spesso “sente le voci”, ma questa stessa esperienza capita anche a chi non ha alcuna patologia: ancora oggi non si sa esattamente che cosa siano e come si generino le allucinazioni. Un nuovo studio ha però contribuito a fare un po’ di chiarezza, grazie a un esperimento in cui alcune persone, sane e malate, sono state indotte a sentire voci che in realtà non c’erano.

Ancora misteriose. In genere, si ritiene che le allucinazioni siano qualcosa di raro, ma secondo studi recenti più di un terzo delle persone riporta di avere provato un'esperienza del genere almeno una volta nella vita, tenuto conto di ciò che viene considerato "allucinazione": non è infatti solo vedere una scena o sentire una voce che in realtà non esiste, ma anche sentire prudere la testa se si parla di pidocchi...

Una delle teorie più condivise è che insorgano quando c'è uno squilibrio tra le aspettative e le informazioni che arrivano dai sensi: in pratica, vediamo o sentiamo quello che siamo preparati a vedere o sentire, e non quello che i sensi ci dicono. Diversi studi recenti, come questo riportato da Focus, propendono per questa spiegazione.

Vedere luci, sentire suoni. Per mettere alla prova questa ipotesi un gruppo di ricercatori dell’Università di Yale ha sfruttato un test messo a punto alla fine dell’Ottocento per indurre le allucinazioni, studiando poi quel che accadeva nel cervello dei partecipanti con la risonanza magnetica funzionale.

Il test consiste nel presentare contemporaneamente e per un certo numero di volte una luce e un suono. Successivamente, scegliendo a caso, viene presentata la luce soltanto, con un suono appena udibile, oppure senza nessun suono: il risultato è che spesso le persone hanno la sensazione di sentire anche il suono. È un caso tipico di condizionamento alla Pavlov.

Al test sono stati sottoposti quattro gruppi di persone: individui che dichiaravano di sentire le voci, sia con una diagnosi di schizofrenia sia normali, e individui che non hanno mai avuto questo genere di allucinazioni uditive, sia affetti da un disturbo mentale sia sani. A ognuno è stato anche chiesto quanto fosse sicuro di avere o meno sentito il suono.

allucinazioni, allucinazioni visive, allucinazioni uditive, sentire le voci, illusioni
Per approfondire: Massimo Polidoro racconta le trappole del cervello. © Ada Summer/Corbis

Il risultato è stato che in tutti i gruppi, senza distinzioni, c’è stata una percentuale di persone che hanno dichiarato di aver sentito il suono anche quando non c’era. Ma l’effetto è stato molto più pronunciato tra chi già in precedenza aveva detto di sentire le voci, sia che fosse affetto da un disturbo sia che fosse normale.

Conta l'attesa. Combinando le immagini dell’attivazione delle varie aree del cervello alla risonanza magnetica e le risposte dei soggetti, i ricercatori hanno poi visto che chi già sentiva le voci aveva una forte convinzione che la luce e il suono fossero associati, e che questa credenza era strettamente associata all'insorgere dell’allucinazione, in accordo con la teoria di partenza.

Un’altra osservazione è stata che le persone con una diagnosi di psicosi, che sentissero o no le voci, erano meno in grado degli altri di accorgersi quando il “trucco” diventava più frequente. La misura di questa capacità (o meno) di distinguere il cambiamento potrebbe essere usata, secondo gli autori, come un indizio per la diagnosi di patologie psichiatriche.

13 agosto 2017 Chiara Palmerini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us