Salute

Il cervello delle future madri ridisegna le sue connessioni durante la gravidanza

Nei topi (e forse anche nell'uomo) gli ormoni della gravidanza ridisegnano le sinapsi per avviare la modalità-mamma in anticipo sulla nascita dei cuccioli.

Gli ormoni della gravidanza riscrivono la mappa delle connessioni cerebrali in una specifica popolazione di neuroni per preparare la futura madre a prendersi cura del cucciolo. Accade nelle femmine di topo, protagoniste di uno studio appena pubblicato su Science, ma un meccanismo simile potrebbe avvenire anche nelle quasi-madri umane.

Lenta trasformazione. Un gruppo di scienziati del Francis Crick Institute di Londra ha dimostrato che gli ormoni estrogeni e progesterone prodotti dal corpo in gravidanza agiscono su una piccola popolazione di neuroni associata alle cure parentali, rafforzandone le connessioni ancora prima dell'arrivo del nascituro. Questo silenzioso lavoro ha come effetto cure più sostenute e specifiche nei confronti dei cuccioli. Finora si pensava che fossero gli ormoni rilasciati durante il parto a innescare i comportamenti materni veri e propri; secondo il nuovo studio, invece, sarebbero ancora più importanti i cambiamenti ormonali che avvengono durante la gravidanza.

Bersaglio preciso. Studiando femmine gravide di topo, i ricercatori si sono infatti accorti che una maggiore attitudine alle cure materne era già presente negli ultimi mesi di gestazione, e che la presenza fisica dei cuccioli non era necessaria per sollecitare questo comportamento. Ad accendere la modalità "mamma" ancor prima della nascita sarebbe una piccola popolazione di neuroni che esprimono galanina, un messaggero chimico che svolge il compito di neurotrasmettitore, e che si trovano in un'area del cervello chiamata area preottica mediale dell'ipotalamo.

Nuove connessioni. Scansioni cerebrali hannno mostrato che progesterone ed estrogeni agiscono in maniera specifica e simultanea su questi neuroni. Gli estrogeni riducono la loro attività di base rendendoli più eccitabili, il progesterone recluta più sinapsi (i siti di comunicazione tra neuroni) riscrivendo la mappa dei loro input. Non a caso, le femmine di topo rese insensibili agli ormoni durante lo studio non hanno sperimentato un innesco di cure parentali durante la gravidanza, e neppure dopo la nascita.

Mai più come prima. I cambiamenti ormonali in gravidanza sono quindi fondamentali non solo per preparare il corpo della madre, per esempio stimolando la produzione di latte, ma anche per predisporre il cervello a un così grande cambiamento. Alcuni dei mutamenti strutturali avviati nelle connessioni cerebrali sembrerebbero inoltre permanenti - come se la gravidanza aprisse "una finestra di plasticità cerebrale", come l'hanno definita gli stessi autori, che scolpisce il cervello femminile a lungo termine.

Con largo anticipo. «Pensiamo che queste trasformazioni, alle quali spesso ci si riferisce come "baby brain", causino un cambiamento nelle priorità» spiega Jonny Kohl, che dirige il Neural Processing Laboratory del Francis Crick.

«Le femmine di topo vergini si concentrano sull'accoppiamento, mentre le madri hanno bisogno di mettere in atto un forte comportamento parentale per assicurare la sopravvivenza del cucciolo. Il fatto affascinante è che tutto questo non avviene alla nascita. Il cervello si prepara molto prima per questo grande cambiamento di vita».

15 ottobre 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us