Scienza

Le cellule immunitarie "natural killer" aiutano a nutrire il feto

I linfociti specializzati nel neutralizzare patogeni svolgono anche il ruolo di "balie" nelle prime fasi della gravidanza: nutrono il nascituro e si assicurano che la sua crescita proceda per il meglio.

Le cellule natural killer, le più aggressive del sistema immunitario, incaricate di individuare e neutralizzare cellule cancerose o infette da patogeni, hanno anche un lato "gentile": aiutano a nutrire il feto nelle prime settimane di gestazione, sostenendolo con la produzione di specifici fattori di crescita.

La scoperta - per certi versi sorprendente - è stata compiuta da Zhigang Tian, immunologo dell'Università delle Scienze e della Tecnologia di Hefei (Cina) sui topi, ma il medesimo meccanismo dovrebbe essere presente anche nell'uomo.

Indispensabili. Tian ha ribattezzato queste cellule natural killer uterine, perché presenti soltanto nell'utero, e soltanto nelle prime fasi della gravidanza, e ha scoperto che producono grandi quantità di due proteine, entrambi vitali per la crescita del feto.

La prima è la pleiotropina, che incoraggia lo sviluppo di vasi sanguigni, ossa, cartilagini e fibre nervose. L'altra è la osteoglicina, che concorre allo sviluppo del cuore e alla crescita corretta di pelle e occhi. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica Immunity.

Le natural killer uterine erano presenti in minori quantità nelle donne che avevano vissuto ripetuti aborti spontanei, e in alte quantità in quelle che avevano portato a termine gravidanze con successo.

I topi geneticamente modificati per non produrne hanno generato feti grandi la metà del normale, mentre aggiunte di natural killer uterine in femmine di topo già gravide hanno contribuito a feti più grossi. Nelle femmine di roditore più anziane, i livelli di queste cellule sono risultati bassi, un fattore che potrebbe contribuire alle difficoltà a rimanere incinte in età avanzata.

azione protettiva. Durante la nostra storia evolutiva, le cellule del corpo umano hanno dato prova di grande flessibilità e multitasking; tuttavia, questa sfumatura delle natural killer non era ancora nota, e potrebbe avere applicazioni terapeutiche.

La speranza è che in futuro, infusioni di queste cellule (iniettate nel sangue o trasferite per via vaginale) possano aiutare le donne che hanno sofferto di aborti spontanei o che tendono ad avere feti sottopeso.

24 dicembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us