Salute

Cellule di maiale per curare il cervello

Allo studio un impianto di cellule cerebrali di maiale per curare il morbo di Huntington.

Cellule di maiale per curare il cervello
Allo studio un impianto di cellule cerebrali di maiale per curare il morbo di Huntington.

I maiali sono tra gli animali più adatti per gli xenotrapianti, una delle frontiere più affascinanti e controverse della medicina.
I maiali sono tra gli animali più adatti per gli xenotrapianti, una delle frontiere più affascinanti e controverse della medicina.

Le cellule cerebrali del maiale potranno forse curare la malattia di Huntington, una gravissima patologia congenita del sistema nervoso che per la tradizione popolare è il “ballo di San Vito”. Entro i primi mesi del prossimo anno dovrebbe infatti partire negli USA la sperimentazione sull'uomo di una terapia basata sul trapianto di cellule nervose asportate dal cervello dei maiali. La nuova tecnica d'avanguardia pone numerose questioni sulla sua legittimità oltre che sui possibili rischi di infezioni da virus provenienti dagli animali. Eppure lo xenotrapianto (così è chiamato il trapianto di organi da animale a uomo) sembra essere una via decisamente percorribile, almeno stando ai risultati degli esperimenti condotti sui primati dai ricercatori del Living Cell Technologies di Auckland (Nuova Zelanda).
Cellule protettrici. Le cellule cerebrali asportate dai maiali non sono neuroni, ma provengono da quella struttura “di rivestimento” dell'encefalo nota come plesso coroide. Quest'area è responsabile, tra l'altro, della produzione delle neurotrofine, proteine essenziali alla protezione del cervello ma carenti nei pazienti affetti dal morbo di Huntington.
Scimmie e maiali. Per testare l'azione delle cellule di maiale, i ricercatori hanno ricreato artificialmente nel sistema nervoso di sette primati le condizioni biochimiche di un cervello malato. Tre degli animali hanno poi subito il trapianto di cellule. Gli animali non trattati hanno mostrato lesioni nel 50% dell'area di encefalo presa in esame, mentre i soggetti che hanno subito il trapiantato hanno riportato danni su meno del 10% della superficie totale. «I risultati sono così stupefacenti» afferma uno dei ricercatori «che confidiamo in una rapida approvazione dei protocolli di sperimentazione sull'uomo. Se tutto andrà per il meglio, sarà la prima volta che la malattia viene attaccata alla radice e non semplicemente curandone i sintomi.»

(Notizia aggiornata al 16 agosto 2005)

16 agosto 2005
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us