Salute

Le cellule di grasso amano la luce solare

La luce naturale attiva negli strati profondi di grasso meccanismi utili per la salute metabolica: reazioni ostacolate dal troppo tempo al chiuso.

Nascoste sotto strati di pelle e di vestiti, le cellule di grasso avvertono la luce solare, e se non ne ricevono abbastanza alterano le loro più preziose funzioni. Lo hanno scoperto alcuni scienziati statunitensi mentre studiavano i meccanismi di regolazione della temperatura corporea nei topi. L'esposizione alla luce naturale permette a due tipi di cellule adipose (adipociti) di lavorare a braccetto per produrre i mattoni di base che forniscono energia e calore a tutte le cellule del corpo. Se questa luce è insufficiente, il processo si inceppa - una battuta d'arresto che potrebbe favorire l'insorgere di malattie del metabolismo.

Fonte di salute. Il corpo umano si è evoluto per funzionare alla luce solare, radiazione che, vivendo chiusi in case e uffici, evitiamo per la maggior parte del giorno. I fotoni oltrepassano strati di abiti, peli e pelle: e raggiunti gli adipociti - rivela lo studio, pubblicato su Cell Reports - ne influenzano il funzionamento. L'idea della penetrazione della luce nei tessuti adiposi è innovativa e si basa sulla scoperta che le opsine (un gruppo di proteine sensibili alla luce) sono state trovate su una varietà inaspettata di tessuti.

ingrediente indispensabile. Gli scienziati del Cincinnati Children's Hospital Medical Center hanno osservato la risposta dei topi a temperature invernali (4 °C) in una serie di condizioni. Proprio come gli uomini infreddoliti, i roditori tremano e bruciano riserve di grasso per generare calore.

Lo studio ha mostrato che questo processo è ostacolato dall'assenza di un gene per le opsine chiamato OPN3. Nei topi in cui il gene era presente, l'esposizione a una componente dello spettro luminoso abbondante nella luce solare ha attivato un meccanismo energetico virtuoso: in presenza di luce, il gene OPN3 ha fatto sì che gli "adipociti tipo bianco" (una delle due varietà di cellule di grasso) rilasciassero acidi grassi nel sangue, sostanze che molti altri tipi di cellule usano come fonte di energia. A questo punto, gli "adipociti tipo bruno" (il secondo tipo di tessuto adiposo) hanno bruciato gli acidi grassi per produrre calore e riscaldare i topi infreddoliti.

Come intuibile, in mancanza del gene OPN3 questo processo non è potuto avvenire. Ma la sorpresa è stata che anche i topi provvisti del gene non riuscivano a riscaldarsi, se non avevano prima ricevuto la giusta esposizione alla luce solare. Come se non ci fossero acidi grassi da bruciare.

Le ripercussioni sulla salute. La luce solare è dunque fondamentale per un corretto metabolismo energetico.

Occorrerà appurare che lo stesso processo osservato nei topi avvenga anche nell'uomo, ma se fosse così, la scoperta avrebbe importanti conseguenze per la nostra salute: «Lo stile di vita moderno ci sottopone a spettri luminosi innaturali, all'esposizione alla luce di notte, a lavori su turni, al jet lag e tutto questo sfocia in disturbi metabolici» spiega Richard Lang, tra gli autori. Malattie come il diabete o l'obesità potrebbero essere in parte legate anche all'insufficiente stimolazione del percorso luce-OPN3-adipociti qui spiegato.

10 febbraio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us