Salute

Cancro: mitocondri difettosi potenziano l'immunoterapia

Mitocondri altamente mutati rendono le immunoterapie due volte e mezzo più efficaci contro i tumori: un tallone d'Achille da sfruttare nelle cure.

Le cellule cancerose con mitocondri difettosi e recanti mutazioni risultano due volte e mezzo più sensibili alle immunoterapie e sono quindi più facili da eliminare. Una ricerca appena pubblicata su Nature Cancer mette in luce un insolito punto debole dei tumori che potrà essere sfruttato per meglio individuare i pazienti più idonei a certi trattamenti, e per rendere le immunoterapie contro il cancro ancora più efficaci.

Cellule tumorali più sensibili. I mitocondri sono organelli presenti in ogni cellula vivente dotati di un proprio DNA, il DNA mitocondriale. Svolgono il ruolo di centraline energetiche, perché producono una molecola - l'ATP (adenosina tri-fosfato) - che trasporta e fornisce energia per le funzioni cellulari. Metà dei tumori presenta cellule con DNA mitocondriale mutato, e ora per la prima volta si scopre che questa caratteristica potrebbe essere sfruttata a nostro vantaggio. Quando gli scienziati del Cancer Research UK Scotland Institute e del Memorial Sloan Kettering Cancer Centre (USA) hanno provato a riprodurre queste mutazioni in laboratorio, hanno infatti scoperto che le cellule tumorali che presentavano il più alto numero di mutazioni risultavano due volte e mezzo più sensibili all'immunoterapia.

Attacco alle cellule cancerose.  I ricercatori vorrebbero ora approfittare di questa caratteristica per far sì che i tumori rispondano meglio alle cure oncologiche. L'immunoterapia provata nello studio si basa sul farmaco Nivolumab, che allenta i freni del sistema immunitario per attaccare le cellule cancerose e che è attualmente usato per trattare diversi tipi di tumore, come quello ai polmoni, il melanoma, il cancro al fegato e all'intestino.

Immunoterapia più efficace. Una possibilità potrebbe essere rendere i test delle mutazioni del DNA mitocondriale un esame di routine per i pazienti che devono sottoporsi a cure oncologiche, per capire chi potrebbe rispondere meglio alle immunoterapie. Ma se si trovasse il modo di imitare gli effetti di queste mutazioni del DNA mitocondriale sulle cellule malate, si potrebbero rendere i tumori più sensibili alle immunoterapie e ottenere la guarigione in un maggior numero di casi.

17 febbraio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us