Salute

"C'è un legame tra alcol e cancro": l'Irlanda metterà queste etichette sugli alcolici. E l'Italia?

Dal 2026, in Irlanda, ci sarà per legge un'etichetta sui contenitori di birra, vino e liquori che avverte i consumatori sui rischi per la salute causati dall'alcol.

A partire da maggio 2026, sui contenitori di birra, liquore e vino venduti in Irlanda dovranno essere presenti due scritte rosse in maiuscolo: «Esiste un legame diretto tra alcol e tumori mortali» e «Bere alcol può causare malattie epatiche». L'Irlanda sarà dunque il primo Paese europeo a mettere in guardia le persone dai rischi dell'alcol per la salute, come già accade per il tabacco. «Chi beve ha il diritto di conoscere le informazioni base sull'alcol, come avviene per altri cibi e bevande», commenta al New York Times Timothy Naimi, direttore del Canadian Institute for Substance Use Research all'Università di Victoria (Canada). Ma esistono evidenze scientifiche che collegano il consumo di alcol al cancro?

Relazioni pericolose. Che cancro e alcol siano strettamente connessi si sa da tempo. Nel 1988 l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell'OMS aveva concluso che l'alcol è cancerogeno. Da allora, diversi studi non hanno fatto altro che confermare queste conclusioni, estendendo il rischio al tumore al seno, al fegato, al colon-retto e all'esofago. Lo scorso novembre l'OMS e l'IARC hanno rilasciato una dichiarazione congiunta affermando che «non è possibile stabilire una quantità di alcol sicura per il consumo».

Forti opposizioni. Nonostante i rischi per la salute siano dunque chiari da tempo, nel mondo appena un quarto dei Paesi prevede che sugli alcolici vengano apposte delle etichette di avvertimento. L'Italia si è fortemente opposta alla nuova legge irlandese: il ministro degli esteri Antonio Tajani l'ha definita "un attacco alla dieta mediterranea", mentre secondo Coldiretti si tratterebbe di un «precedente pericoloso» che mette a rischio le esportazioni di vino Made in Italy.

Uomo rifiuta alcol
In gravidanza, si sa, l'alcol è vietato: un recente studio però ha visto che a dover rinunciare a un calice di vino non dovrebbero essere solo le future mamme, ma anche i futuri papà (per approfondire). © Creative Cat Studio | Shutterstock

A fine 2022, 13 Stati europei (tra cui l'Italia) si sono opposti alla proposta irlandese, presentando obiezioni formali alla Commissione europea (che ha poi dato il via libera per silenzio-assenso) sostenendo che le etichette di avvertimento avrebbero impedito il libero commercio e non erano appropriate o proporzionate all'obiettivo di ridurre i danni dell'alcol.

Alcol e cancro: i dati nel mondo e in Italia
L'alcol uccide circa 3 milioni di persone all'anno nel mondo, e due persone al minuto in Europa. Una percentuale molto elevata di questi decessi (pari a circa 1 su 4) si registra in un'età compresa tra i 20 e i 24 anni. In Italia, se ne contano oltre 17.000 ogni anno. Secondo L'OMS sono oltre 200 le malattie anche parzialmente attribuibili al consumo di alcol in eccesso e tra di esse ci sono almeno 12 tipi di cancro. Questo fatto raddoppia nei fatti il carico di mortalità causato dall'alcol. [Dati OMS/ISS, 2020-2023]

Come i pacchetti di sigarette. Nel 2017 il Canada ha testato che impatto avesse l'apposizione sugli alcolici di etichette colorate che includessero la frase "l'alcol causa il cancro", ed è emerso che i compratori riducevano il consumo di alcol e che le vendite scendevano del 7% fino a diversi mesi dopo il test.

Dovremo dunque abituarci a vedere sulle bottiglie di vino etichette simili a quelle dei pacchetti di sigarette? Gauden Galea, consigliere strategico dell'OMS, spera che «un giorno le persone non si ricorderanno di quando sui pesticidi era obbligatorio apporre etichette di avviso, mentre una sostanza cancerogena come l'alcol veniva venduta senza problemi».

19 aprile 2024 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us