Salute

Il calo della mortalità nei pazienti ricoverati per covid

Due nuovi studi segnalano un importante calo della letalità per covid in ospedale dovuto, si pensa, alle migliori cure mediche disponibili.

Il (notevole) calo di mortalità, rispetto all'inizio della pandemia, nei pazienti con covid ricoverati negli ospedali è un dato inequivocabile. È la conclusione di due studi condotti a New York e nel Regno Unito, entrambi rivisti in peer-review e ora in pubblicazione. La diminuita letalità si nota in tutti i gruppi di malati, inclusi gli anziani e i pazienti con patologie pregresse, e sembra dovuta ai migliori trattamenti disponibili per tamponare le complicazioni della CoViD-19, contro la quale non esiste ancora una cura mirata.

una Prognosi più favorevole. La prima analisi ha considerato i registri riguardanti più di 5000 ricoveri ospedalieri per covid effettuati tra marzo e agosto nel NYU Langone Medical Center, un singolo sistema ospedaliero della Grande Mela che comprende una scuola di medicina e diversi ospedali. Dall'inizio della pandemia alla fine dell'estate, il tasso di mortalità per infezione grave da nuovo coronavirus è diminuito di 18 punti percentuali: all'inizio i pazienti ospedalizzati per covid nel sistema ospedaliero analizzato avevano il 25,6% di probabilità di morire, ora il rischio è del 7,6%. 

I ricercatori hanno tenuto conto di fattori come età e presenza di malattie come il diabete nei ricoverati, per escludere il fatto che il calo potesse dipendere dalle migliori condizioni del "paziente-tipo" attuale. La diminuzione è consistente e stabile sui 18 punti percentuali per tutti i tipi di pazienti, anche quelli più a rischio, e non sembra legata alle caratteristiche di partenza di chi viene colpito dal virus.

Un rischio da evitare. Come ricorda l'articolo che sarà pubblicato a breve sul Journal of Hospital Medicine (ma che si può leggere qui in pre-pubblicazione) il 7,6% è un tasso di mortalità ancora estremamente alto, molto più elevato di quello che si corre per altre infezioni. Uno studio dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie statunitensi ha trovato che i malati di CoViD-19 negli ospedali per veterani americani hanno un rischio 5 volte più alto di morire rispetto a quelli ricoverati per influenza, oltre a un rischio aumentato di 17 complicanze, respiratorie e non. La nota di ottimismo sul calo di mortalità non deve pertanto portarci a sottovalutare la gravità della malattia, che può lasciare debilitati a lungo.

Siamo più preparati. Questa tendenza è confermata da una seconda ricerca condotta da Bilal Mateen, esperto di analisi dei dati dell'Alan Turing Institute nel Regno Unito, su 21.000 casi di ricoveri ospedalieri per covid in UK.

Anche in questo caso si è visto un calo di circa 20 punti percentuali nei decessi rispetto ai giorni più critici della pandemia in primavera, a prescindere dall'età, dalle condizioni di salute e dall'appartenenza etnica dei pazienti. Lo studio sarà presto pubblicato sulla rivista scientifica Critical Care Medicine.

Secondo i ricercatori, questi miglioramenti sono legati alle migliori cure somministrate oggi dal personale medico: rispetto ai primi mesi di pandemia, quando i pazienti venivano aiutati con i respiratori e inseriti in protocolli sperimentali, oggi esiste una routine più consolidata per trattare i casi di covid, e si individuano in fretta coloro che potrebbero soffrire di complicanze gravi come una tempesta di citochine (una risposta eccessiva e disastrosa del sistema immunitario) cercando di intervenire prima che sia troppo tardi.

Il contributo di ciascuno. Ma moltissimo fanno anche i comportamenti di prevenzione individuale, come rispettare il distanziamento fisico, evitare di frequentare luoghi affollati e indossare la mascherina. Queste accortezze limitano la carica virale nei pazienti contagiati, influendo positivamente sulla gravità dell'infezione, e aiutano a ridurre la pressione sugli ospedali: quando questi vengono tenuti al di sotto della loro massima capacità si possono dedicare maggiori cure ed attenzioni ai singoli casi, e più pazienti sopravvivono.

23 ottobre 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us