Salute

Le sostanze chimiche pericolose per la nostra fertilità

La nostra salute riproduttiva starebbe peggiorando anche per l'esposizione a sostanze chimiche con le quali veniamo in contatto fin dal grembo materno.

Si parla spesso di calo delle nascite, normalmente incolpando l'instabilità economica e lavorativa delle giovani coppie, la vita stressante, e la conseguente età sempre più avanzata della prima gravidanza, con tutto ciò che questo comporta in termini di fertilità maschile e femminile. Ma secondo Shanna Swan, professoressa di medicina ambientale e sanità pubblica alla Mount Sinai School of Medicine di New York (USA), staremmo ignorando una delle principali cause di infertilità del mondo moderno: le sostanze chimiche. «Non dico che altri fattori non siano coinvolti nel peggioramento della salute riproduttiva», ha dichiarato Swan in un'intervista al Guardian, «ma le sostanze chimiche ne sono la causa principale, ed è arrivato il momento di riconoscere questa causalità e agire di conseguenza».

Attenti a quei due. I nemici numero uno della fertilità sarebbero gli ftalati e il bisfenolo A.

Gli ftalati, che rendono la plastica più morbida e flessibile, vengono utilizzati durante i processi di produzione, trasformazione e confezionamento del cibo, ma li troviamo anche in prodotti cosmetici o di pulizia della casa, dove vengono aggiunti per trattenere il profumo. L'esposizione a queste sostanze è stata associata a una riduzione nei livelli di testosterone e nella concentrazione di spermatozoi negli uomini, e a un aumento del rischio di pubertà precoce, insufficienza ovarica, aborto e parto prematuro nelle donne.

Il bisfenolo A viene al contrario utilizzato per indurire la plastica, e si trova negli scontrini e nei rivestimenti di alcuni contenitori per alimenti. Questa sostanza simula nel corpo la presenza di estrogeni, ed è dunque particolarmente dannosa per le donne, che possono avere problemi di fertilità, ma anche per gli uomini, che correrebbero il rischio di soffrire di disfunzione erettile e di peggiorare la qualità del proprio sperma.

Il primo contatto con queste sostanze chimiche avviene già nel grembo materno: «Le cellule in rapida divisione del feto sono le più sensibili», spiega Swan. «L'esposizione continua poi durante l'infanzia, l'adolescenza e l'età adulta, in una sorta di processo cumulativo».

Cosa evitare. Per non correre rischi è importante evitare, per quanto possibile, di entrare in contatto con queste sostanze dannose: per questo, consiglia l'esperta, meglio prediligere cibi non elaborati e, ai fornelli, scartare padelle in teflon o trattate con qualunque altro rivestimento. Bandito inoltre l'uso di contenitori o pellicole di plastica in microonde, e per l'igiene personale e della casa meglio optare per prodotti senza profumo.

«Se non invertiamo la tendenza, per il 2045 la metà delle coppie che vorranno avere un figlio dovranno ricorrere alla fecondazione assistita», avverte Swan. «Ecco perché è fondamentale riconoscere il problema, per iniziare a fare qualcosa per combatterlo».

8 aprile 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us